Union San Giorgio Sedico

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FacebookTwitter
ZakkTV
00Sunday, July 13, 2014 12:21 PM
Sedico (BL)
Ecco l'altra squadra bellunese, protagonista assoluta in Promozione dove ha vinto campionato (girone D con veneziane e trevigiane) e Coppa, sfiorando il triplete nella finale per il titolo di categoira contro il Sarcedo. Società nata da una fusione appena un anno fa, gioca Sedico.
ZakkTV
00Sunday, July 13, 2014 12:23 PM
da www.ilgazzettino.it

Il San Giorgio Sedico ha un gran bisogno di rinforzare il centrocampo. Longo (in foto), a quanto pare, avrebbe optato per un impegno meno gravoso e, dunque, avrebbe rinunciato alla possibilità di fare l’Eccellenza. I direttori sportivi sedicensi sono sguinzagliati alla ricerca di un giocatore in grado di dare spessore al centrocampo. L’arrivo di De Bona (dalla Triestina), infatti, assicura geometrie e qualità, non certo agonismo. Potrebbe, semmai, rappresentare un’alternativa a Zanvettor più che a Longo. L’altro fronte sul quale i dirigenti dell’Union San Giorgio Sedico stanno lavorando è quello dei fuoriquota. L’impressione è che, alla fine, se anche Pescosta non dovesse essere disponibile perché utilizzato in prima squadra col Belluno, al suo posto possa arrivare un giocatore che già ha trovato posto in serie D: molto probabilmente potrebbe trattarsi di Danny Paganin.
ZakkTV
00Sunday, August 3, 2014 12:48 PM
www.venetogol.it/2014/08/03/alla-scoperta-dell-eccellenza-la-neopromossa-sgiorgio-sedico-al-via-008299/#.U94...

Alla scoperta dell'Eccellenza. La neopromossa S.Giorgio Sedico al via!



Nella foto il tandem: mr. Bruno Gava e il diesse Claudio Fant, scrutano l’orizzonte…

Alla scoperta dell’Eccellenza…. Il S. Giorgio/Sedico, novizio della massima categoria regionale, si presenta al via con tanta birra in corpo. Domani sera alle 18,30 suonerà la campanella anche per la formazione allenata da Bruno Gava. Matteo Bez e compagni si ritroveranno spavaldi, consapevoli delle difficoltà che incroceranno nel cammino stagionale sul rettangolo di Libano, una collocazione strategica che permetterà al tecnico di Vittorio Veneto e al “fido” preparatore Abramo Dall’Antonia, con l’intensificarsi della preparazione, di sfruttare le pendenze-palestra intorno al campo.
E’ un S. Giorgio/Sedico che bussa alla porta dell’Eccellenza in punta di piedi, ma lo fa da prim’attore agganciando un finale di stagione che l’ha visto primeggiare nel girone D della Promozione, vincere l’ambito Trofeo Regione sul Loreo, vedendo inoltre sfumare per un nulla il “triplete” nell’atto clou per il titolo regionale. Tappe di una crescita significativa, per i traguardi raggiunti e l’esperienza accumulata . Un’esperienza che non mancherà nell’esordio in categoria, anche se le operazione di mercato coordinate dal ”direttore” Claudio Fant hanno mirato gli obiettivi su un’ampia cerchia di under. E tra questi ci sono diversi ragazzi che arrivano dalle categorie inferiori, under che inizialmente pagheranno lo scotto della categoria, i cambi di ritmo negli allenamenti e soprattutto l’intensità del gioco nei 95’ che non permetterà alcuna distrazione.
Sui vecchi mr. Bruno Gava va sul sicuro a partire dal portiere “Ale” Bee. La spina dorsale della squadra avrà poi in Bez, Polesana e Rimoldi una solida batteria di granatieri. Anche la mediana si presenta tosta. Il tecnico ha voluto giocatori grintosi, tenaci e con il “mulo” De Bona e il “focoso “De Filippo (occhio ai cartellini!) la cerniera completata da Zanvettor e Giacomo Pontin si presenta molto equilibrata. L’attacco è il settore che meno entusiasma, ma a pallone fermo ogni giudizio è superfluo: “Le fortune degli attaccanti-puntualizza mr. Gava ex centravanti di Vicenza, Novara, Pro Vasto, Arzignano e Pievigina –sono frutto del gioco di squadra. E’ un reparto composto da giovani, alcuni di loro hanno giocato con continuità in serie D da “fuori quota”, altri vedi Matteo Bozzon che ho voluto espressamente per il suo modo di giocare, a Vittorio Veneto ha fatto la categoria. Abbiamo inoltre un ragazzo dalle enormi potenzialità tecniche come Pilotti che lo scorso anno ha lasciato l’impronta sulla promozione. Direi che siamo in linea con la filosofia e la programmazione voluta dalla società, il contenimento del bilancio e guadare in proiezione futura”.

Vi aspetta un torneo che tu ben conosci per averlo disputato da protagonista…

“E’ un torneo stimolante che per dieci mesi ti tiene sulla corda, una bella vetrina per i nostri giovani. Se in serie D alcuni di loro hanno maturato una discreta esperienza, in categoria dovranno dimenticare l’obbligo dell’impiego e dimostrare il vero valore. L’Eccellenza non ti permette di tirate il fiato, è un campionato difficile compresso in pochi punti che delimitano le due classifiche di merito, il playoff e il pericoloso play-out. Il girone B da qualche anno inoltre si è livellato di molto e non ci sono formazioni materasso. Sono molto di più le squadre che ambiscono alla vittoria finale o agli spareggi nazionali rispetto a quel manipolo di club che mettono come obiettivo la salvezza. Per noi è l’annata dell’esordio in tutto e per tutto e ogni partita sarà un esame dove ci sarà da correre e imparare parecchie cose, in fretta”.

Da quattro anni la fai da padrone anche in coppa: due i trofei (Coppa Italia Regione) alzati alla guida del Falmec Vittorio SMC, una finale persa contro il Real Vicenza e il successo in primavera nel trofeo regione di Promozione. C’è altro spazio nella tua personale bacheca?

“I trofei conquistati sono ricordi che lasciano il segno. A S. Giorgio non abbiamo queste mire, dobbiamo lavorare sodo per un solo obiettivo: assicurarci prima possibile la salvezza. La coppa ci permetterà in immagazzinare esperienza, conoscere i primi avversari, migliorare la condizione fisica. In campo però ci faremo sentire, perché la squadra in ogni prestazione dovrà dare il massimo e uscire dal campo a testa alta”.

La rosa assegnata a mr. Bruno Gava

Portieri

Alessandro Bee (dalla FeltresePrealpi), Luca dalla Rosa ‘94

Difensori

Matteo Bez, Italo Bressan ’94 (dalla Feltrese/Prealpi), Michele Miotti ’97 (dall’ Ital-Lenti Belluno 1905), Simone Pellegrinotti ’96 (dall’Alpago) , Michele Polesana (dalla FeltresePrealpi), Daniele Prosdocimi, Nicola Rimoldi e Cristian De Pellegrin ‘96

Centrocampisti

Goran Barattin (dall’Alpago), Andrea De Bona ’94 (dall’Unione Triestina), Fabio Di Filippo ’93 (dal Giorgione 2000), Giacomo Pontin, Manuele Zanvettor, Andrea Rosso.

Attaccanti

Matteo Bozzon (dal Portomansuè), Sebastiano Saviane (dall’Apago), Marco Schiocchet ’97 (dal l’Ital-Lenti Belluno 1905), Simone Padovan, Andrea Pilotti e Mattia Da Rugna ’95 (dall’Union Ripa La Fenadora)

Lo staff tecnico e i collaboratori

Vice presidente e factotum: Jaky De Cian

Direttore sportivo: Claudio Fant

Responsabile organizzativo : Giuseppe Faso

Preparatore atletico Abramo Dall’Antonia

Prep. di portieri: Gabriele Benetti

Il precampionato: sabato 9 da definire, il16 a Sedico contro l’ Ital-Lenti Belluno e sabato 23 contro lo ZTLL Sinistra Piave. In calendario il club ha pure un’amichevole a Tarcento (Ud)
Print Friendly and PDF
Scritto da Flavio Cipriani il 03/08/2014
ZakkTV
00Monday, August 4, 2014 12:48 PM
da www.ilgazzettino.it

Parla l'allenatore della squadra di Sedico, pronta a una stagione da matricola in Eccellenza

"San Giorgio, obiettivo salvezza"




Lunedì 21 Luglio 2014,
L’Union San Giorgio Sedico può fare un buon campionato in Eccellenza e salvarsi. Ma servono ancora alcuni innesti, a partire da un fuoriquota che sostituisca Giovanni Pescosta (il terzino classe 1996 rientrato al Belluno) e da un centrocampista attorno al quale far ruotare la mediana biancorossoceleste. Bruno Gava, il tecnico che ha condotto la squadra sedicense alla promozione e alla conquista del trofeo Regione Veneto, è consapevole delle difficoltà che la nuova categoria presenterà. Ma, fresco del premio Panchina di Marca (un’onorificenza che viene consegnata ai tecnici che vincono i rispettivi campionati), crede nella squadra e nel progetto San Giorgio Sedico.
Mister, qual è la situazione in casa Union Sgs?
«Finora abbiamo lavorato abbastanza bene. Manca però ancora qualcosa. Soprattutto, abbiamo bisogno di un giovane che giochi nel ruolo di esterno basso per sostituire Pescosta. Inoltre, dal momento che Longo dovrebbe aver detto definitivamente addio, ci stiamo muovendo per cercare un centrocampista con determinate caratteristiche. Qualcuno è già arrivato ma stiamo ancora cercando un calciatore che assomigli a Longo». E la soluzione sembra essere stata trovata, arruolando il roccioso mediano De Filippo. Nel caso Pescosta restasse al Belluno, invece, il San Giorgio Sedico punterà su Paganin.
A tenere banco è inevitabilmente la questione fuoriquota. Ne sono arrivati parecchi.
«È vero, ne abbiamo portati a casa diversi. Ora cercheremo di valutare come impiegarli. Quelli che sono arrivati li ho visti all’opera ma dobbiamo compiere delle valutazioni. Non possiamo certo accontentarci di tre o quattro ragazzi: per disputare un campionato come l’Eccellenza necessitiamo di almeno cinque o sei fuoriquota (in prova vi saranno pertanto diversi giocatori dell’Alpago: Barattin, Pellegrinotti e Saviane, tutti del ’96 o del ’97, ndr)».
A proposito di Eccellenza, dunque, che campionato vi preparate ad affrontare?
«Un campionato molto difficile al quale partecipano squadre molto attrezzate. Per poter essere competitivi è necessario essere ben attrezzati e preparati al meglio. Altrimenti si rischia di scivolare in brutte figure».
L’obiettivo?
«Sicuramente confermare la nuova categoria».
L’anno scorso eravate l’unica squadra bellunese in Promozione. Quest’anno, invece, incontrerete nello stesso campionato un’altra formazione della provincia, la Feltrese. Come l’ha vista in queste settimane?
«Quando penso alla mia squadra ne ho già abbastanza... A parte questo, però, sono sicuro che la Feltrese porterà giocatori all’altezza per disputare un campionato positivo. Le ambizioni e il carisma di una società come quella granata lo impongono».
In serie D, invece, Belluno e Union Ripa La Fenadora hanno operato diversi acquisti. Con quali prospettive?
«Il Belluno e l’Union Ripa si stanno muovendo molto sul mercato. Sono due squadre che l’anno scorso hanno fatto molto bene pertanto credo che nel prossimo campionato punteranno ai vertici del loro girone».
I tecnici biancorossocelesti hanno fissato le date dei primi impegni precampionato: il ritrovo è previsto per lunedì 4 agosto. L’amichevole di maggior prestigio andrà in scena sabato 16 agosto a Sedico contro il Belluno. Nei prossimi giorni il calendario si infittirà di altri incontri amichevoli per arrivare al meglio all’inizio della stagione ufficiale che vedrà i sedicensi impegnati sia in coppa (dopo avere vinto il Trofeo Veneto per squadre di Promozione grazie ad una cavalcata con pochi precedenti) sia in un campionato nuovo, l’Eccellenza.

Sono molti
i candidati
per la fascia
di capitano


Lunedì 21 Luglio 2014,
SEDICO - (E.P.) Il clamoroso abbandono di Ivan Longo, per motivi di lavoro ha scelto la Terza categoria, pone al San Giorgio Sedico anche il problema della fascia di capitano. A chi andrà? Chi erediterà quella fascia che Longo portava per generale riconoscimento di una serietà che lo contraddistingue fuori e dentro il campo? Probabile che a disputarsi la fascia siano i due più anziani dal punto di vista della militanza, ovvero Manuel Zanvettor e il pur giovanissimo Andrea Pilotti (sempre che, naturalmente, partano da titolari). Ma la scelta, alla fine, spetterà a Bruno Gava che potrebbe puntare invece su qualcun altro, anche se arrivato in biancorossoceleste da meno tempo, magari proprio su Bee o Polesana (quest’ultimo è già stato a lungo capitano della Feltrese). Non sarà il problema più importante da risolvere, ma andrà risolto anche questo.



ZakkTV
00Saturday, September 6, 2014 12:17 PM
corrierealpi.gelocal.it/sport/2014/09/01/news/san-giorgio-sedico-non-basta-rosso-1...

San Giorgio Sedico, non basta Rosso

L’Union Qdp trova il pareggio a un quarto d’ora dalla fine. Annullata la rete del raddoppio al giovane Schiocchet

di Giacomo Luchetta

SEDICO. Il San Giorgio Sedico pareggia in casa con l’Union Qdp e rimane in corsa per il passaggio in Coppa Veneto. Con due punti la squadra di Bruno Gava è al secondo posto in classifica appaiata proprio ai trevigiani. In testa c’è il Vittorio Veneto con quattro lunghezze, fanalino di coda la Feltrese a quota uno. Il “man of the match” della partita è senza dubbio Andrea Rosso che ha portato in vantaggio i suoi con una bellissima rete. Il pareggio è arrivato 20’ dopo con il tap in del neo entrato Canzian.

Gli ospiti sono più propositivi ma le occasioni più nitide le ha il San Giorgio Sedico che sotto porta ha sbagliato troppo. Bruno Gava si affida al 4-3-3, in porta Bee è una sicurezza mentre in difesa il tecnico schiera la coppia centrale formata da Polesana e Rimoldi, sugli esterni ci sono Prosdocimi sulla sinistra e il giovane Longo a destra. A metà campo Zanvettor va in cabina di regia supportato da Rosso e De Bona e in attacco il terminale offensivo è Bozzon al centro con Padovan e Da Rugna sugli esterni. Si accomodano in panchina Bez e Pontin mentre Pilotti è in tribuna ancora fermo per problemi al ginocchio. Dall’altra parte l’Union Qdp gioca con lo stesso modulo, tra i pali c’è Cavarzan, ex Feltrese.

I primi minuti di gioco sono equilibrati, Il San Giorgio Sedico osa qualcosa in più ma è l’Union Qdp a rendersi pericolosa al 13’ con il cross dalla sinistra di Gilde ma il colpo di testa da buona posizione di Kynasso finisce alto sopra la traversa. La risposta dei padroni di casa non tarda ad arrivare e una manciata di minuti dopo Bozzon di testa appoggia per Padovan che fa rimbalzare a terra e spara di collo pieno dal limite dell’area ma Cavarzan gli dice di no deviando in angolo. Al 22’ l’Union Qdp ha una ghiotta occasione ancora con Nykasso che di testa raccoglie il cross di Antonio Martina ma davanti a Bee il numero dieci colpisce incredibilmente alto. Gli ospiti sono pericolosi in contropiede e il San Giorgio Sedico ora soffre le ripartenze avversarie grazie alla velocità dei suoi attaccanti. Alla mezzora Da Rugna prova a scuotere i suoi con una conclusione dal limite che finisce alta sopra la traversa ma è l’Union Qdp che continua a guadagnare campo e macinare più gioco. Si va a riposo sullo 0-0.

Il secondo tempo comincia con una grande occasione per l’Union Qdp ancora con Nykasso che a tu per tu con Bee spara da posizione ravvicinata ma l’estremo difensore di Sedico gli dice di no con i piedi. Al 55’ sale in cattedra Andrea Rosso: il centrocampista sedicense prende palla sulla sinistra, ubriaca due avversari, entra in area e di destro batte Cavarzan sul secondo palo portando in vantaggio i padroni di casa. La rete galvanizza il San Giorgio Sedico che prende in mano il gioco. Al 62’ i sedicensi segnano il raddoppio con il neo entrato Schiocchet che appoggia in rete l’assist di Padovan ma l’arbitro annulla per fuorigioco. Nel momento migliore dei padroni di casa però l’Union Qdp trova il pareggio al 75’ con Canzian, entrato pochi secondi prima, che raccoglie la conclusione deviata di Zilli e da pochi passi batte Bee. Le proteste del portierone del San Giorgio Sedico per un presunto fuorigioco si fanno sentire ma l’arbitro convalida la rete e ammonisce Bee per proteste. Al 94’ Schiocchet ha l’occasione di segnare il 2-1 ma la conclusione è bloccata in due tempi da Cavarzan.

GUARDA LA FOTOGALLERY

DELLA PARTITA


sul sito www.corrierealpi.it
01 settembre 2014

corrierealpi.gelocal.it/sport/2014/09/02/news/longo-al-san-giorgio-per-giocarmi-il-posto-1...


eccellenza - domenica debutto a nervesa

Longo: «Al San Giorgio per giocarmi il posto»

L’ex Belluno è contento della scelta. Per la prima di campionato è ancora fuori Pilotti



SEDICO. A Sedico per giocarsi un posto da titolare. Due settimane fa Stefano Longo è passato in prestito dal Belluno al San Giorgio Sedico e vuole usare tutte le carte a sua disposizione per conquistare un posto nell’undici titolare di mister Gava.

«Ho avuto la possibilità di scegliere – racconta Longo – potevo rimanere a Belluno oppure provare una nuova esperienza a Sedico. Sapevo che in gialloblù avrei fatto poche presenze in prima squadra e tanta Juniores, ho scelto di andare in Eccellenza, sperando di giocarmi un posto in una categoria comunque non facile. Sono arrivato in rosa come terzino, ma ovviamente se ci fosse bisogno posso interpretare tutti i ruoli a metà campo. In passato ho giocato qualche volte come esterno basso, ma non l’ho mai fatto con costanza. Sto cercando di imparare più che posso a livello tattico, fino ad ora ho commesso qualche errore ma spero di migliorare con il passare delle partite. L’Eccellenza? È una categoria che non conosco ma mi hanno assicurato che non è facile, l’anno scorso ho fatto qualche presenza in serie D ma purtroppo l’infortunio al malleolo mi ha tenuto fermo ai box per diverse settimane. Quest’anno vorrei trovare continuità, sono qui per giocarmi un posto tra i titolari».

Mister Gava è preoccupato. Dopo il pareggio contro l’Union Qdp il tecnico sedicense ha espresso tutte le sue preoccupazioni per l’inizio della stagione. Il San Giorgio Sedico ha creato molto, ma anche sprecato molto sotto porta, in più la fase difensiva non è stata interpretata secondo le idee del mister che ha visto i suoi giocatori troppo statici che si sono fatti infilare più di una volta in contropiede.

«Dobbiamo lavorare ancora tanto – continua Longo – sia a livello di squadra ma soprattutto a livello difensivo. Nel reparto arretrato eravamo tre “nuovi”, compreso il portiere, e alcuni meccanismi vanno sicuramente migliorati. Contro l’Union Qdp è stata una partita strana, loro hanno creato poco e hanno fatto un gol, noi abbiamo avuto le occasioni più nitide ma non siamo stati freddi sotto porta».

Il Nervesa è alle porte. Domenica inizia il campionato e la squadra di Sedico dovrà vedersela contro un avversario che sulla carta dovrebbe puntare ai primi posti della classifica. Questa sera i ragazzi di Bruno Gava riprenderanno a lavorare, la settimana prevede i tre classici allenamenti in vista dell’esordio in trasferta. Andrea Pilotti è ancora alle prese con i problemi al ginocchio e difficilmente riuscirà a recuperare, questa sarà un’assenza importante per la formazione sedicense. Nel frattempo, in Coppa Veneto, la fascia di capitano è stata affidata a Manuel Zanvettor che, salvo sorprese, dovrebbe tenerla anche per il resto del campionato. La nota positiva della partita contro l’Union Qdp è l’ottima forma di Andrea Rosso che, oltre ad un gran gol, ha messo a segno una superba prestazione.

02 settembre 2014



corrierealpi.gelocal.it/sport/2014/09/02/news/farhan-e-tornato-alla-feltrese-dopo-l-anno-all-union-1...

Farhan è tornato alla Feltrese dopo l’anno all’Union

Un anno ai cugini del Ripa Fenadora e poi il ritorno alla Feltrese. Rachid Farhan ha debuttato domenica allo Zugni Tauro, nella gara persa dai granata contro il Vittorio. Per l’ex Union uno scampolo...

Un anno ai cugini del Ripa Fenadora e poi il ritorno alla Feltrese. Rachid Farhan ha debuttato domenica allo Zugni Tauro, nella gara persa dai granata contro il Vittorio. Per l’ex Union uno scampolo di partita, ma sicuramente sarà un rinforzo importante per mister Armenise. (g.l.)
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 3:05 PM.
Copyright © 2000-2021 FFZ srl - www.freeforumzone.com