Unione Venezia

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FacebookTwitter
Pages: [1], 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10
Il custode della cripta
00Tuesday, August 10, 2010 9:56 PM
Discussione dedicata alla nostra rivale numero 1, il Venezia [SM=x397180] [SM=x397181] [SM=x397182] [SM=x397183] [SM=x397185]

Ho velocemente cercato su Google e ho trovato diversi siti e blog sul Venezia, ma non so quale sia il loro sito ufficiale (a patto che lo abbiano). Forse è questo: magicovenezia.wordpress.com/
TV DOSSON
00Tuesday, August 10, 2010 10:21 PM
Io so che il sito ufficiale esisteva,pero dopo tutte queste vicessitudine di categoria non ci giurerei!
Tiz_76
00Tuesday, August 10, 2010 10:24 PM
Caro custode, tu sei eccezionale con le tue statistiche e con tutte il resto ma quando scrivi quel nome per favore usa sempre la lettera minuscola!!! per citarla potremmo pure scrivere v-n-z-a oppure M-R-A!!!! [SM=x397166]

GigiBeghetto9
00Tuesday, August 10, 2010 10:26 PM
E' un po' tarocco quel sito... clicco su Pianu e mi appare il profilo di Vianello... [SM=x397181]
ZakkTV
00Tuesday, August 10, 2010 10:50 PM
Re:
GigiBeghetto9, 10/08/2010 22.26:

E' un po' tarocco quel sito... clicco su Pianu e mi appare il profilo di Vianello... [SM=x397181]




Bastava mettere la foto di un mercenario qualsiasi.
ZakkTV
00Tuesday, August 10, 2010 11:35 PM
da www.ilgazzettino.it

Giovedì 29 Luglio 2010,
Un gol e un assist sono un buon viatico, a prescindere dalla consistenza (poca) del Genova International battuto 6-1 nella prima amichevole. Fabio Mazzeo ha iniziato con il piede giusto la sua seconda avventura a Venezia, a sette anni di distanza dalla prima: nell’estate 2003 i Dal Cin lo prelevarono dal Conegliano per affidarlo al tecnico Angelo Gregucci che, vincendo a giugno lo spareggio contro il Bari di un certo Collauto, conquistò la salvezza in serie B. Mazzeo però dopo un inizio promettente (7 presenze e un gol tra campionato e Coppa Italia) trovò pochissimo spazio.
«Avevo vent’anni, ero al primo approccio con il calcio professionistico, ora sono cresciuto, è cambiato tutto e ho maggiore esperienza e consapevolezza» spiega il mancino bolognese. Dopo Venezia Mazzeo ha militato in C1 con la Vis Pesaro, in C2 con Belluno, PortoSummaga, Valenzana e Giulianova. Segnando poco per la verità tra i professionisti (6 volte in altrettante stagioni), a differenza di quando ha calcato i campi di serie D entrando con regolarità nel tabellino marcatori. «Negli ultimi due campionati tra Sanvitese e Albignasego ho firmato 32 gol, un buon bottino che da fiducia ed entusiasmo ora che sono tornato in una piazza stimolante come Venezia».
L’obiettivo di partenza non può che essere quello di tentare il ritorno in Seconda Divisione. «Tutti siamo qui per vincere, le prime sensazioni sono positive, l’organico mi sembra forte, ma sarebbe un errore pensare di poter avere vita facile. Non dimentichiamo che SandonaJesolo e San Paolo Padova hanno costruito due squadre molto forti. Il mio ruolo? Quando ho giocato largo a sinistra ho reso meno, al contrario di quando ho agito da seconda punta, ma non voglio parlare di tattica perché a prescindere da tutto mi adatterò dove occorre».
Ieri al Taliercio - dove dopodomani (ore 17) il Venezia disputerà una partitella in famiglia - si è allenato anche Florean, ma la fumata bianca per l’ex attaccante del Pergocrema ancora non c’è. Sempre d’attualità dunque i nomi delle punte Ligori (Sacilese) e Agostinelli (ex Gela).
Marco De Lazzari

Marco De Lazzari
Venerdì 30 Luglio 2010,
Sul taccuino del direttore sportivo Andrea Seno vi sono sempre i nomi di Giacomo Peirano (classe ’91 del Bassano) e di Simon Mair (classe ’90 del Sudtirol), a conferma che il Venezia sta ancora inseguendo un portiere in grado di contendere la maglia numero uno al diciannovenne Andrea Russo. Da una settimana agli ordini di Massimo Lotti si sta allenando anche l’italo-americano Angelo Viteritti, promettente ma ancora acerbo (sul piano tecnico, non su quello fisico) classe ’92 che lo scorso anno aveva effettuato un paio di provini con Chievo e Parma.
«Sono entusiasta per la possibilità che mi è stata offerta di giocare a Venezia in una squadra con giocatori così importanti - le parole dell’attuale titolare Andrea Russo - Di sicuro posso imparare moltissimo, sono davvero motivato a sfruttare al meglio questa chance».
Russo è nato a Torino ma la parlata oltre al cognome ne tradiscono le origini siciliane (la sua famiglia è di Pachino, provincia di Siracusa): in terra piemontese è cresciuto per cinque anni nel settore giovanile del Torino, per due in quello della Juventus prima di passare all’Ivrea; dopo il fallimento degli orange è stato acquistato dal Varese che lo ha girato in prestito alla Pro Settimo (un anno fa), al Domegliara (dal gennaio scorso) ed ora al Venezia.
«Il mio idolo? Io lo sono di me stesso - risponde con sicurezza - ho fiducia nelle mie possibilità, però so di dover migliorare a 360 gradi, in primis nel mantenere costante la concentrazione dall’inizio alla fine di ogni gara». Con il Domegliara nel campionato scorso affrontò il Venezia nel match di ritorno finito 3-3. «Con il team veronese abbiamo centrato l’obiettivo della salvezza, stavolta invece puntiamo a riportare il Venezia tra i professionisti. Una piazza e giocatori come questi non possono rimanere in D a lungo».
Anche oggi al Taliercio gli arancioneroverdi sosterranno una doppia seduta agli ordini del tecnico Enrico Cunico: domani pomeriggio (ore 17) la programmata sgambata in famiglia a ranghi misti chiuderà la prima fase della preparazione che proseguirà da lunedì 2 a mercoledì 11 agosto nel ritiro di Asiago. Prossima amichevole il 5 agosto (ore 17) a Vittorio Veneto contro il Bari.

Marco De Lazzari
Sabato 31 Luglio 2010,
Poche settimane fa avrebbe potuto risalire tra i professionisti accettando la corte del Bassano, dove ha già giocato due campionati di serie D e tre di Seconda Divisione. Invece il ventinovenne Matteo Nichele, baluardo del Venezia con 30 presenze, 5 gol e tanta «presenza» a centrocampo, ha voluto fortemente restare in maglia arancioneroverde. «Perché? Semplice, nelle prime dieci stagioni della mia carriera ho raggiunto quattro volte i playoff ma devo ancora conquistare la mia prima promozione. Ebbene, penso e spero sia giunto il momento di rompere il tabù proprio qui a Venezia».
Le sensazioni di Nichele dopo i primi dieci giorni di lavoro sono dunque positive. «Dopo il buon campionato dello scorso anno in molti si saranno, anche giustamente, dispiaciuti per i tanti cambiamenti che ci sono stati a livello di organico. Ad ogni modo io vedo un Venezia forte e attrezzato, anche se ciò, sia chiaro, non significa che vinceremo a mani basse il nostro girone».
Le maggiori incognite come sempre in questa categoria si concentrano sui giocatori più giovani. «Giocoforza è così - concorda l’ex del PortoSummaga - ma è così per tutte le squadre. In compenso ritengo che poche compagini potranno schierare nell’undici titolare 7 «vecchi» del calibro di quelli del Venezia, il che toglie non poche preoccupazioni. Ho giocato a Bassano tra i pro con Zubin e Nicoletto, Collauto e Vianello questa piazza li conosce meglio di me, dopodiché c’è senz’altro un motivo se un tecnico preparato come Cunico ha voluto portare con sè da Montebelluna determinati giocatori».
Per il resto nemmeno il leggero ridimensionamento economico ha fatto pensare a Matteo Nichele di cambiare aria. «Da un’altra parte avrei dovuto ripartire da zero, qui invece, seppur con altri interpreti, riprenderemo il lavoro iniziato un anno fa. Vedo un Venezia forte, e con più certezze rispetto alla scorsa estate. Questa piazza mi è entrata dentro ed è difficile lasciarla, a prescindere dalla categoria».
Ieri la Lega Nazionale Dilettanti ha ufficializzato che la stagione inizierà domenica 22 agosto con la Coppa Italia, mentre il debutto in campionato è fissato per il 5 settembre. Intanto la partitella in famiglia inizialmente programmata per questo pomeriggio è stata anticipata alle ore 10.30 di stamani. Confermata per dopodomani (ore 7.30) dal Taliercio la partenza per il ritiro di Asiago.


CALCIO SERIE D Amichevole in famiglia al Taliercio dopo la prima settimana di allenamenti

Nel segno di Zubin

Tripletta del croato, da domani il Venezia in ritiro ad Asiago


Domenica 1 Agosto 2010,
Si è risulta nel segno di Emil Zubin, autore di una tripletta, la sgambata in famiglia con cui il Venezia ieri mattina ha chiuso la fase cittadina della preparazione in vista della prossima serie D. Una partitella durata circa un’oretta in quanto, prima e dopo, il tecnico Enrico Cunico ha torchiato i suoi sul piano atletico. Di conseguenza non sono mancati gli errori, ma nemmeno l’intensità, da parte dei 22 arancioneroverdi che domattina (ore 7.30, appuntamento a Favaro al ristorante Da Olindo) partiranno per il ritiro in programma fino all’11 agosto ad Asiago.
Mister Cunico ha schierato due formazioni speculari nel 4-2-3-1, con la particolarità degli esterni mancini - Malagò da una parte, Signori dall’altra - alti sulla destra, e viceversa, con Collauto e Rigoni alti a sinistra. Il tutto per portarli ad accentrarsi, sia per favorire le sovrapposizioni dei terzini dalle retrovie, sia per far scattare la sana «tentazione» di calciare in porta. Da punte centrali invece hanno agito il giovane Bisiol (con Zubin alle spalle) e Florean (supportato da Mazzeo): proprio Florean continuerà ad allenarsi col Venezia anche ad Asiago, a riprova che la trattativa è tutt’altro che campata in aria. In sostanza l’ex Pergocrema sembra esser tornato in cima alla lista dei desideri per l’attacco rispetto a Ligori (Sacilese) e Agostinelli (ex Gela). D’altra parte al tecnico Cunico brillano gli occhi innanzi a giocatori duttili e di movimento, come Florean, appunto. Ma anche come lo stesso Zubin, grande protagonista della partitella in famiglia. Il trentatreenne croato dapprima ha portato in vantaggio di testa il Venezia «A», quindi, dopo il momentaneo pareggio di Mazzeo, ha firmato altre due reti in fotocopia. Il corner fuori misura di Mazzeo aziona il contropiede avversario, fuga sulla sinistra di Collauto che serve a Zubin (il quale sul calcio d’angolo era posizionato a copertura del palo della sua porta) due destri letali per Russo, anche dopo una fuga di oltre 70 metri.
Domani come detto la partenza per Asiago: al gruppo si uniranno via via vari giovani che il ds Andrea Seno intende far visionare a mister Cunico.
Marco De Lazzari


Il Venezia si riscatta
con una buona prova


Domenica 8 Agosto 2010,
ASIAGO - Il Venezia si riprende al 9 a 1 con il Bari rifilando un 5 a 0 al volenteroso, ma nulla più, Canove, militante in Prima Categoria.
Mister Cunico rimescola un po’ le carte in tavola rispetto all'uscita con i pugliesi di mister Ventura, alternando "vecchi" e nuovi nella prima e seconda parte contro i vicentini.
Pronti via e Mazzeo (nella foto) subito sigla il vantaggio dei lagunari, al termine di una azione ben condotta dagli arancioneroverdi. Replica pochi istanti dopo ad opera di Bisiol, abile a sfruttare una azione ficcante portata pochi minuti dopo quella che aveva provocato la prima segnatura.
Il resto del tempo scorre via senza grossi sussulti e si va al riposo con le due contendenti separate da due segnature con il Venezia che si muove bene nonostante il grande carico di lavoro fisico.
Nella seconda parte dell'incontro, spazio a Florean, Pianu, Collauto, la «vecchia» guardia, con i calciatori in prova come l'estremo difensore Samba Laye e Zubin, autore di una segnatura, che consente al Venezia di allungare ulteriormente la distanza dagli avversari.
Prima di Zubin in rete l'effervescente Florean, impegnato a dare il proprio contributo alla causa in attesa di una possibile conferma.
A completare il quadro c'è la segnatura di Signori, abile a finalizzare una bella azione della sua squadra.
Nel complesso per mister Cunico sono arrivate indicazioni positive: la terza uscita ha evidenziato dei passi avanti rispetto al test di serie A con il Bari, anche se ogni risultato di questo periodo va preso con molta cautela.
Questa mattina leggera seduta ad Asiago, pomeriggio libero, quindi lunedì e martedì doppio allenamento mattina e pomeriggio.
Mercoledì allenamento il mattino, mentre nel pomeriggio amichevole con la Sambonifacese (a San Bonifacio) e poi tre giorni di riposo.
Luigi Polesel

L’ALLENATORE

Cunico: «Stiamo lavorando
ma non cambio modulo»


Lunedì 9 Agosto 2010, «Siamo stanchi, c'è molto ancora da lavorare, ma siamo sulla strada giusta».
È un Enrico Cunico complessivamente soddisfatto al termine della settimana di ritiro in quel di Asiago: le uscite con Bari e di sabato con Canove, al di là dei risultati contro due avversari di differente valore (serie A i galletti di Ventura, prima categoria i vicentini), le prime impressioni sul "nuovo" Venezia appaiono incoraggianti: di sicuro il cartello "lavori in corso" è ben di là dall'essere tolto, ma il cantiere arancioneroverde sta rispettando le tappe: la parte atletica ha avuto la predominanza in questa fase (e lo si è visto, con più di qualche giocatore comprensibilmente "imballato"), ma anche gli aspetti tattici stanno impegnando a fondo Collauto e compagni. «Anche contro il Canove le gambe erano pesanti - evidenzia Cunico - ma nonostante questo ho visto alcuni movimenti fatti come si deve. È chiaro che per raggiungere un grado di amalgama accettabile e una conformazione tattica ben definita serve ancora tempo, ma complessivamente mi pare che ci siamo».
In questo periodo avete inserito dei giocatori in prova e nel contempo il direttore sportivo Andrea Seno sta lavorando per completare l'organico: un portiere, una punta di peso e un esterno destro paiono le "necessità" più evidenti.
«Quando abbiamo cominciato sapevamo che ci mancava qualcosa a livello di rosa - puntualizza il tecnico arancioneroverde - e non è certo un problema. Per quanto riguarda il ruolo di portiere, stiamo valutando, in attacco sicuramente da soli Mazzeo e Zubin sono un po’ poco per affrontare una stagione lunga e impegnativa. Quanto all'esterno di destra, stiamo valutando Salmistrari e Freepong. Vedremo».
Il suo "credo" tattico è il 4-2-3-1: ci sarà spazio anche ad eventuali modifiche relativamente al "modulo"?
«Ogni allenatore ha le proprie idee - conclude Cunico - per quanto mi riguarda il mio modulo è quello che avete visto nella prime uscite. Ovviamente se ce ne fosse la necessità e l'opportunità potremmo anche avere delle variazioni, ma per ora stiamo lavorando su questo».
PROGRAMMA DELLA SETTIMANA - Oggi e domani doppia seduta, mercoledì allenamento il mattino mentre nel pomeriggio è in programma una amichevole a San Bonifacio (orario 17.30, sede da definire) contro la SanBonifacese (Seconda Divisione). Giovedì mattina allenamento al Taliercio, poi rompete le righe: la ripresa è fissata per lunedì 16 pomeriggio al Taliercio.
L.Pol.

ZakkTV
00Tuesday, August 10, 2010 11:38 PM
da www.ilgazzettino.it

Mazzeo: «Questo Venezia
cresce di giorno in giorno»


Luigi Polesel
Martedì 10 Agosto 2010,
«Le sensazioni dopo questo primo periodo sono positive». Fabio Mazzeo (nella foto) inquadra così il momento del Venezia, reduce ormai da due settimane abbondanti di duro lavoro finalizzato a formare un gruppo ampiamente rinnovato che vuole recitare un ruolo da protagonista nella prossima serie D.
Le prime uscite, le cui risultanze vanno prese con tutta la cautela del caso, hanno offerto riscontri positivi e domani (ore 17) a San Gregorio di Veronella è in programma il quarto test amichevole contro la Sanbonifacese, team di Seconda Divisione. Ieri intanto ennesima doppia razione di allenamento: a «movimentare» la giornata è stata la visita in ritiro dell'assessore allo sport comunale, Andrea Ferrazzi, con famiglia al seguito, che ha pranzato insieme al patron Enrico Rigoni, il direttore sportivo Andrea Seno e il team manager Edoardo Rivola.
Intanto da registrare la prima defezione, quella di Gabriel Salmistrari (in prova dal Laguna di Venezia) che si è infortunato contro il Canove riportando una sospetta frattura al setto nasale: Rivola lo ha accompagnato a Venezia e questa mattina sarà visitato dal dottor Michelangelo Beggio. Al di là del responso degli esami, il destino di Salmistrari non sarà con il Venezia.
Sul fronte gironi, la composizione degli stessi è rinviata probabilmente a oggi (ma non è certo): la Lega Nazionale Dilettanti sta verificando dove «collocare» Trento e Mantova. Intanto prosegue a pieno ritmo la preparazione di Collauto e compagni.
«Stiamo iniziando a conoscersi - fa sapere Mazzeo - e sia in campo sia fuori stiamo vivendo nel modo giusto questo periodo che è fondamentale: da qui si gettano le basi per la stagione e siamo tutti consapevoli che c'è tanto da lavorare».
Le tre partite amichevoli che avete disputato, al di là del valore degli avversari e dei risultati, confermato che ci sono ampi margini di miglioramento e che l'intelaiatura della squadra appare abbastanza ben equilibrata. «Contro il Bari il passivo è stato molto pesante, forse troppo - sottolinea l'attaccante - ma in termini di costruzione del gioco e di movimenti, specie nella prima parte, abbiamo sviluppato un buon calcio».
Mister Cunico ha ribadito che il modulo tattico su cui intende puntare è il 4-2-3-1: lei si trova a suo agio? «Perfettamente - conferma Mazzeo - ho la possibilità di esprimermi al meglio (dietro la prima punta, ndr.). Comunque, se servisse occupare qualche altra posizione, di certo non mi tirerei indietro: è una fase di costruzione e pertanto da parte di tutti serve la massima disponibilità».



zonastadio
00Wednesday, August 11, 2010 1:34 AM
sfida che si commenta da sola..speriamo solo di poterla fare con i tifosi ospiti sia all'andata che al ritorno
ZakkTV
00Wednesday, August 11, 2010 2:20 PM
da www.ilgazzettino.it

CALCIO / I GIRONI

Il Venezia in D ritrova
il Treviso e il Chioggia


Mercoledì 11 Agosto 2010,
Derby e classiche ritrovate dopo anni di oblio. La composizione dei gironi di serie D diramato ieri dalla Lega nazionale dilettanti ha restituito agli appassionati di calcio un piccolo campionato del Nordest. A beneficiarne saranno soprattutto i tifosi del Chioggia Sottomarina, costretti in passato a lunghe trasferte fra Toscana e Marche: la prossima stagione ritroveranno il derby con il Venezia, oltre che con Concordia e SandonàJesolo. I tifosi arancioneroverdi in compenso potranno contare su un’altra classica con il Treviso, ripescato per l’occasione dopo un anno di "purgatorio" in Eccellenza, oltre che su altre sfide regionali con Belluno, Rovigo e Opitergina. A guadagnare, in fondo, saranno lo spettacolo e il bilancio delle società, che non saranno più costrette a provvedere a lunghe trasferte in giro per l’Italia.

Ma cosa ne pensano gli allenatori delle veneziane?
«È un girone molto duro - analizza mister Enrico Cunico - ci saranno sfide affascinanti. Via Trento e due friulane, ci saranno tante squadre vicine e con una tradizione importante alle spalle, penso al Treviso innanzitutto, ma anche altre. Non so quanti raggruppamenti abbiano un livello di partecipanti così elevato. Al di là di questo, accettiamo la sfida e vogliamo essere protagonisti».

ZakkTV
00Thursday, August 12, 2010 5:45 PM
da www.ilgazzettino.it

Venezia imballato
cede alla Sambo


Giovedì 12 Agosto 2010,
Un opaco primo tempo, una discreta ripresa per un Venezia "cotto" al termine del ritiro di Asiago. L’amichevole di ieri con la Sambonifacese ha concluso la fase "montanara" della preparazione di Collauto e compagni, che questa mattina (ore 10) si ritroveranno al Taliercio per l’ultima seduta prima del «rompete le righe» di tre giorni deciso mister Cunico per consentire ai suoi di tirare il fiato (gli allenamenti riprenderanno lunedì 16 pomeriggio al Taliercio).
Scelta che appare più che mai azzeccata, visto che anche ieri gli arancioneroverdi specie nella prima parte della gara sono apparsi ancora una volta "imballati", subendo la verve dei veronesi (militanti in Seconda Divisione), che hanno praticamente assediato i lagunari. Al 12’ traversa del fantasista Staiti, che pochi minuti dopo metteva ko l’incolpevole Russo andando a finalizzare al meglio un cross dell’esterno Fiorotto. Il Venezia, privo di Pianu e con Mazzeo in panca, faticava a trovare il bandolo della matassa: Zubin si dannava l’anima alla ricerca di palloni giocabili ma senza incidere, Florean idem, solamente capitan Collauto, nelle poche opportunità avute, ha tentato di mettere in difficoltà la retroguardia dei biancocelesti di mister Valigi. Poco prima dell’intervallo, da registrare una bella conclusione di Malagò, che tuttavia non inquadrava lo specchio della porta.
Nella ripresa, spazio al "Venezia2", la Sambonifacese calava fisicamente e i nuovi entrati di mister Cunico apparivano più tonici, anche se di occasioni da gol vere e proprie nemmeno l’ombra, ad eccezione di una bella conclusione di Mazzeo dopo un bel palleggio. In definitiva, Venezia ancora poco brillante, anche se l’identità di squadra comincia a vedersi. Ad assistere al match a Veronella c’era anche il patron Enrico Rigoni ed una discreta rappresentanza di tifosi. Già oggi intanto, o al massimo nei prossimi giorni, il direttore sportivo lagunare Andrea Seno attende la risposta di Florean, che pare intenzionato ad accettare la proposta della società arancioneroverde.
Luigi Polesel


Venezia 0
Sambonifacese 1

MARCATORE: 15'pt. Stati.
VENEZIA: (primo tempo): Russo, Falcier, Cardin, Vianello, Nicoletto, Nichele, Collauto, Lelj, Zubin, Florean, Malagò. All.: Cunico.
Secondo tempo: Samba Laye, Nicoletto (Falcier 20'), Malacarne, Buso, Vianello (Nichele 20'), Casagrande, Rigoni, Borotto, Bisiol, Mazzeo, Signori.
SAMBONIFACESE: Milan, Pimazzon, Fiorotto, Pangrazio, Orfei, Rocchiccioli T., Creati, Tecchio, Brighenti, Staiti, Tartabini.All.: Valigi.
Secondo tempo: Scarsetto, Diop, Dal Degaln, Moretto, Viskovic, Rocchiccioli I., Frello, Carlini, Pietribiasi, Schetino, Filippini.
ARBITRO: Benati di San Bonifacio.



ABBONAMENTI

Accordo
con i tifosi
sul prezzo
delle tessere

Giovedì 12 Agosto 2010,
«A seguito della precedente e-mail, comunichiamo che il presidente avv. Pizzigati ha raggiunto un accordo in merito alla campagna abbonamenti». Con questa comunicazione la società chiude ogni possibile malinteso relativamente alla questione abbonamenti. In mattinata via sms la dirigenza lagunare invitava a contattare il presidente Pizzigati sul tema: pare che al termine di un incontro assieme all’amministratore delegato Ignazio Guerra e del segretario Paolo Mezzacasa con dei rappresentanti dei «Gate 22» ci fosse qualche contrasto sui prezzi. I rappresentanti della nota frangia del tifo lagunare hanno fatto presente le loro ragioni, che quindi paiono essere state accolte.
ZakkTV
00Friday, August 13, 2010 9:49 PM
da www.ilgazzettino.it

SERIE D Parla il patron lagunare

Rigoni: «Il Venezia mi piace
e siamo appena all’inizio»


Venerdì 13 Agosto 2010,
«Sono soddisfatto di questo inizio di stagione, la squadra ha lavorato tantissimo, l'amministrazione comunale la sentiamo concretamente al nostro fianco, puntiamo ad una campagna abbonamenti che superi come numeri quella dello scorso anno».
Ieri mattina al Taliercio ad assistere all'ultima seduta di Collauto e compagni prima dei tre giorni di riposo voluti da mister Cunico, c'era il patron della società orogranata Enrico Rigoni (nella foto).
Mercoledì era a San Bonifacio ad assistere alla quarta uscita degli arancioneroverdi, ieri blitz per salutare il gruppo e lo staff tecnico: quindi l'occasione per fare il punto a trecentosessanta gradi. «Non chiedetemi nulla di tecnico - mette le mani avanti il patron lagunare - per mercato e altro chiedere a Seno. Comunque le prime impressioni che ho ricavato, specie nella prima parte della gara di Vittorio Veneto con il Bari, sono positive. In generale abbiamo puntato a creare un gruppo ancora più competivo: speriamo di esserci riusciti e se all'inizio del campionato faticheremo un po’, chiedo ai tifosi pazienza».
Qualche giorno fa in ritiro è salito l'assessore allo sport comunale Andrea Ferrazzi: un segno tangibile della vicinanza dell'amministrazione alle sorti della società veneziana. «Il rapporto con lui è ottimo - conferma Rigoni - nel rispetto dei nostri ruoli, si è sviluppata una proficua collaborazione: penso ai due nuovi campi da calcio creati di fatto insieme e per quanto ci riguarda tenendo conto anche delle esigenze di altre realtà sportive cittadine come il Real San Marco. E la presentazione della squadra, a fine agosto primi di settembre, si svolgerà a Ca’ Farsetti».
Sono usciti i gironi, e quello in cui è inserito il Venezia pare di ferro. «Ritengo che possa assomigliare, quanto a valore, ad uno di Seconda Divisione, visti i nomi e gli organici delle partecipanti. Sicuramente sarà molto impegnativo, noi puntiamo a ben figurare, su questo non ci piove».
Intanto la public compagny sta andando a gonfie vele. «L'iniziativa, seguita passo passo da Pizzigati - conclude Rigoni - sta evidenziando una forte partecipazione della città: questo vuol dire che Venezia sente sua la squadra e questa è la giusta premesse per la risalita ad alti livelli. Chi verrà dopo di noi troverà delle basi solide».
AMICHEVOLI - Fissata per lunedì 16 pomeriggio al Taliercio la ripresa della preparazione, sono state calendarizzare tre amichevoli: il 18 a Dolo, il 21 (con avversario da definire), il 25 a Favaro contro il team locale, presieduto da Igor Pizzigati (nipote del presidente del Venezia, ndr.). Il 29 esordio in Coppa Italia (al «Picchi») contro lo JesoloSandonà.
MERCATO - Il direttore sportivo arancioneroverde Andrea Seno è in attesa del «sì» di Florean ed è vicino a chiudere con un giovane portiere classe '91. Ancora sondaggi in corso per l'esterno desto basso.
Luigi Polesel

© riproduzione riservata


Venerdì 13 Agosto 2010,
Tribuna centrale numerata intero: euro 160,00; Tribuna centrale numerata Venezia United: 140,00. Distinti centrali settori 3,4,5, intero: 70,00. Distinti centrali settori 3,4,5 Venezia United: 55,00. Distinti laterali settori 1,2,6,7 intero: 60,00. Distinti laterali settori 1,2,6,7 Venezia United: 45,00. Curva sud intero: 55,00. Curva sud Venezia United: 45,00. Curva sud gruppi organizzati: 45,00.
La data di inizio della campagna abbonamenti e i luoghi in cui si potranno sottoscrivere gli stessi verranno comunicati successivamente.
ZakkTV
00Sunday, August 15, 2010 11:19 AM
da www.ilgazzettino.it

SERIE D Dopo il rifiuto dell’attaccante il ds Seno si rituffa nel mercato: tre gli obiettivi

No di Florean, Venezia a caccia di punte

Sabato 14 Agosto 2010,
Le strade del Venezia e di Lauro Florean (nella foto) si dividono. Sarà un Ferragosto di lavoro quello che attende il ds Andrea Seno che ieri ha preso atto della decisione del calciatore, il quale ha preferito rimanere in attesa di qualche chiamata di club di categoria superiore. È già scattata dunque la ricerca di una punta che dovrà andare a rimpinguare il reparto offensivo a disposizione di mister Cunico, che ad oggi può disporre solamente di Mazzeo e Zubin: davvero troppo poco per un lagunare che sin qui ha evidenziato le maggiori lacune proprio a livello d'attacco. Il tempo non è tantissimo, visto che l'esordio stagionale è previsto il 29 agosto in Coppa Italia in casa del SandonàJesolo, in attesa del via al campionato: oggi la Lega noti i calendari.
Questi tre giorni di sosta, gli ultimi prima del via, saranno utili agli arancioneroverdi per fare il punto della situazione dopo le prime quattro uscite: al di là dei risultati, ciò che è emerso è che il lavoro che attende mister Cunico e compagni per assemblare un organico ampiamente rinnovato è ancora tanto, ma le premesse perchè si costituisca una squadra in grado di recitare un ruolo da protagonista paiono esserci tutte. Ora tocca al ds Andrea Seno il compito di trovare due, meglio tre giocatori, in grado di completare la rosa. I ruoli nei quali la ricerca del dirigente è indirizzata sono noti: un estremo difensore affidabile (nè Russo, nè Samba Laye offrono le sicurezze necessarie), quindi un attaccante, e da ultimo (in ordine di priorità) un esterno difensivo destro giovane. «Sono dispiaciuto per il fatto che Florean non ha accettato la nostra proposta - ha dichiarato ieri l'uomo mercato - ci siamo lasciati bene, anche se avrei preferito che non ci facesse aspettare così tanto. Abbiamo già ripreso i contatti con alcune piste che avevamo lasciato in stand by: vedremo nelle prossime settimane».
Oltre ad una punta, serve anche un estremo difensore: radio mercato dice che ci sono un paio di ipotesi che lei sta seguendo. «Esattamente - conferma il ds - ma nomi capite bene non posso farne. La situazione dovrebbe sbloccarsi comunque nel giro di qualche settimana: i grandi club hanno concluso quasi tutti i ritiri e sono più propensi a valutare eventuali destinazioni per i propri giovani più promettenti».
Luigi Polesel

© riproduzione riservata
ZakkTV
00Sunday, August 15, 2010 2:37 PM
da www.ilgazzettino.it

SERIE D Il tecnico lagunare commenta il calendario e preannuncia novità

Venezia, tre derby in 5 gare

Cunico: «Siamo una squadra ambiziosa, dobbiamo gestire le energie»

Domenica 15 Agosto 2010,
«Ci aspetta un inizio tosto, ma non abbiamo paura di nessuno».
È un Enrico Cunico carico quello che commenta il calendario del Venezia poche ora dopo l'ufficializzazione da parte della Lega Nazionale Dilettanti del «cammino» che attende Collauto e compagni dal 5 settembre prossimo: pronti via e subito un derby, in quel di Concordia, esordio casalingo al Penzo il 12 settembre contro l'Este, quindi altro match interno contro i friulani del Kras Repen. Quindi il 26 derby (replica del 29 agosto in Coppa Italia) contro lo JesoloSandonà, quindi la settimana successiva (il 3 ottobre) di nuovo al Penzo contro il Chioggia. In poco più di un mese dunque tre stracittadine, mentre il 21 novembre ritorna il derby, una classica attesissima, contro il Treviso al Tenni. Chiusura di girone il 19 dicembre al Penzo contro Pordenone. «L'avvio è particolarmente duro - commenta Cunico - anche se prima o poi dobbiamo affrontarle tutte e pertanto lascia il tempo che trova dire se è meglio o peggio cominciare in un modo o in un altro. Sicuramente tre derby nelle prime cinque giornate non sono cosa da poco: considerando poi che la condizione all'inizio non può essere ottimale, almeno nel caso nostro».
In questa prima fase di preparazione avete «caricato» moltissimo dal punto di vista fisico. «Per esperienza personale è fondamentale immagazzinare energie in questa fase - spiega il mister dei lagunari - il campionato è lungo e dobbiamo arrivare sino alla fine in buona condizione. C'è chi sceglie di partire forte, secondo la mia filosofia è meglio dosare le energie: specie per chi come noi punta ad un torneo ambizioso».
Il 21 novembre al Tenni «ritorna» una partita dal sapore particolare per la tifoseria: Treviso-Venezia. «Si tratta indubbiamente di una sfida dall'indubbio fascino - osserva il tecnico arancioneroverde - anche se vorrei fosse affrontata con la massima sportività in campo e fuori. Come del resto tutte le partite e su questo mi sento tranquillo: la nostra tifoseria è davvero speciale. Ricordo l'amichevole di Canove: c'erano una cinquantina di tifosi con fumogeni a tifare. Non solo in questa categoria, ma forse nemmeno in serie B, ci sono società che possono contare su un sostegno di questo tipo».
Lunedì riprenderete la preparazione: non ci sarà Florean. «La società ha fatto l'impossibile - conclude Cunico - putroppo il giocatore ha deciso diversamente. Noi comunque non potevamo aspettare oltre: ma state tranquilli, non stiamo dormendo: già la settimana prossima ci saranno novità».
AMICHEVOLI - Confermate le uscite del 18 a Dopo e del 25 a Favaro, ieri è stata «trovata» l'avversaria per il 21: si giocherà al Taliercio contro il Monselice (ore 16).
ZakkTV
00Tuesday, August 17, 2010 2:04 PM
da www.ilgazzettino.it

SERIE D Domani dovrebbe arrivare l’ufficialità dell’ingaggio. In prova Kamenei

Florean ci ripensa, resta al Venezia

Martedì 17 Agosto 2010,
Lauro Florean ci ripensa e «dice sì» al Venezia. Questa la prima novità post Ferragosto in casa arancioneroverde: ora sono in corso le trattative tra il giocatore, che ieri si è regolarmente allenato al Taliercio, e la società. Ieri pomeriggio blitz al campo d'allenamento del patron Enrico Rigoni, che ha fatto un breve ma intenso summit tecnico con l'allenatore Cunico e il direttore sportivo Andrea Seno, impegnatissimo a completare l'organico ad una ventina di gironi dall'inizio del campionato. Per quanto riguarda Florean, che non avrebbe trovato alternative di categoria superiore, pare che l'accordo ci sia già, anche se l'ufficialità ci sarà domani, giornata nella quale è in programma l'amichevole (ore 18) contro il Dolo d’Eccellenza. Intanto è ripresa a pieno ritmo ieri pomeriggio al Taliercio la preparazione degli arancioneroverdi dopo tre giorni di sosta, con un volto nuovo, quello del camerunense Valeri Kamenei (classe 90'), centrocampista centrale in prova, mentre non si è più visto invece il portiere Samba Laye: ad allenarsi con il preparatore Lotti c'erano Russo e il portiere della Beretti Sambo. Sul fronte sanitario, indisponibile William Pianu, presente in tenuta da gioco ma fermo: domani sarà sottoposto ad una ecografia per capire i motivi del suo dolore al polpaccio. Fermo, precauzionalmente, anche Matteo Nichele, alle prese con un problema ad una caviglia. Dopo una breve fase di riscaldamento, Collauto e compagni hanno lavorato una mezz'oretta sulla velocità, quindi tutti in campo per una parte tattica particolarmente intensa, con mister Cunico a centro campo a far provare e riprovare vari schemi tattici, tra i quali le ripartenze. Continua dunque a lavorare sodo (oggi «doppio», mattina e pomeriggio) il Venezia per amalgamare un gruppo ampiamente rinnovato: e tra i volti nuovi c'è Emil Zubin, che avrà il compito di guidare l'attacco lagunare.
Emil, come giudichi questo primo periodo? «L'impatto è stato positivo - fa sapere la punta serba - mi aspettavo una prima parte pesante a livello di lavoro fisico, come è stata. Questo ci ha impedito di essere brillanti nelle prime amichevoli, ma quello a cui puntiamo è essere pronti per l'inizio del campionato. Stiamo cercando di affinare i meccanismi, il mister è nuovo così come tanti giocatori».
Sabato sono stati resi noti i calendari: più di qualche addetto ai lavori ha paragonato il vostro girone, quanto a valore, ad uno di Seconda Divisione. «Sicuramente tutte le squadre che affronteremo paiono di buon valore - analizza Zubin - alcune in particolare come JesoloSandonà e Treviso hanno organici davvero importanti. Per quanto ci riguarda, vogliamo dire la nostra, inserendoci nel gruppetto di quelle quattro, cinque formazioni che saranno nella parte alta della classifica. Personalmente, a parte una parentesi nel 94-95, non ho mai giocato in serie D e dovrò sperimentare la nuova categoria».
Luigi Polesel
ZakkTV
00Wednesday, August 18, 2010 2:17 PM
da www.ilgazzettino.it

Cunico: «Il Venezia
deve crescere subito»


Luigi Polesel
Mercoledì 18 Agosto 2010,
«Mi aspetto una crescita tattica ma anche di mentalità da parte di tutta la squadra».
Oggi (ore 19) a Dolo quinto test amichevole precampionato per il Venezia, che affronta la squadra locale militante in Eccellenza.
Non ci sarà William Pianu, che questa mattina sarà sottoposto ad una ecografia per capire l'entità e le cause del suo problema al polpaccio, e nemmeno Matteo Nichele, ancora fermo a causa del dolore ad una caviglia: la sua situazione comunque desta minor preoccupazione e lo stop odierno è di tipo precauzionale. Per il resto, occhi puntati su tutto il resto del gruppo, con il quale è stato reintegrato Lauro Florean (nella foto): la disponibilità a vestire l'arancioneroverde da parte del calciatore è stata accolta dalla società, che tuttavia si è riservata di valutare anche altre ipotesi, prima di mettere nero su bianco.
In definitiva, dopo che le strade si erano divise alla vigilia di Ferragosto, ora si stanno reincrociando, ma non è certo che l'attaccante rimanga in laguna.
È questo uno dei nodi da sciogliere per il direttore sportivo Andrea Seno, oltre all'acquisto di un portiere e di un esterno difensivo giovane: quindi cantiere ancora aperto, ma Cunico tira dritto per la sua strada e attende progressi dai suoi dopo le prime quattro uscite che non sono state certo brillanti a causa dei notevoli carichi di lavoro fisico svolti.
Mister, da lunedì sta puntando sulla velocità e sulla tattica.
«Dopo tre giorni di riposo abbiamo riattaccato la spina con un lavoro più tattico - ha spiegato il tecnico lagunare - e incentrato maggiormente sulla velocità. Questa mattina (ieri, ndr.) abbiamo puntato sul lavoro individuale di reparto: mi aspetto dei progressi da parte di tutti e ovviamente di squadra».
Il mercato, a una ventina di giorni dall'avvio del campionato è da completare: Florean è di nuovo con voi, ma mancano ancora dei tasselli importanti.
«Su Florean la società è in stand by - conferma Cunico - per il resto sapete quali sono i nostri obiettivi. Tuttavia questo non influenza il nostro programma: chiedo ai miei una crescita a livello di mentalità, di atteggiamento in campo, dove serve maggiore cattiveria agonistica. Siamo il Venezia e ogni mio giocatore deve ricordarselo: d'ora in avanti voglio vedere una crescita, possibilmente veloce, perchè dobbiamo diventare un gruppo in grado di disputare una stagione importante».
La campagna abbonamenti sarà presentata venerdì alle 12 nella sede della Carive di San Luca a Venezia.


ZakkTV
00Thursday, August 19, 2010 2:10 PM
da www.ilgazzettino.it

Venezia con l’attacco spuntato, alla fine è pareggio

Il gioco non manca nell’amichevole disputata contro il Dolo Riviera ma manca la freddezza negli ultimi metri

Giovedì 19 Agosto 2010,
Polveri bagnate in zona gol e Venezia bloccato sull'1-1 dal Dolo Riviera del Brenta. Il gioco non manca da parte degli arancioneroverdi nell'amichevole contro i granata militanti in Eccellenza, la freddezza negli ultimi metri invece sì. Anche per questo il ds lagunare Andrea Seno ha annunciato che oggi pomeriggio al Taliercio arriva in prova l'attaccante Gustavo Ferretti, «el rulo» che in cinque stagioni a Chioggia in serie D aveva firmato 43 reti: il ventiseienne argentino lo scorso anno si è diviso tra la Viterbese e il Savona, con cui ha festeggiato la promozione in Seconda Divisione. In sostanza, visto che permane il punto di domanda circa la fumata bianca per Florean (che ieri ha giocato solo uno spezzone nella ripresa), il Venezia per consolidare il reparto offensivo si guarda intorno per stringere finalmente i tempi. Il Dolo è subito puntuale nello sfruttare al meglio la prima occasione, trasformando una palla recuperata in mediana nell'1-0, con assist di «Cico» Niero per Silvestro che con un pallonetto beffa un Russo (tuttora l'unico portiere del Venezia) in uscita disperata. Davanti a 400 spettatori la reazione dei ragazzi di Cunico c'è e l'1-1 viene sfiorato da Lelj, di testa su angolo di Collauto, e da Mazzeo che su punizione colpisce il palo. Più preciso Collauto al 36': dalla sua mattonella fuori area il capitano a giro batte Gallo all'incrocio. Prima del riposo Rigoni e Mazzeo non realizzano il sorpasso che non arriva nemmeno nella ripresa - buono l'ingresso all'ala destra di Amos Nichele, cugino di Matteo, ieri ai box - nonostante le buone occasioni di Zubin e Bisiol, fermato dal palo. Prossimo test dopodomani al Taliercio (ore 16.30) contro il Monselice.
Marco De Lazzari

Giovedì 19 Agosto 2010,
DOLO RIVIERA 1
VENEZIA 1
GOL: pt 15'Silvestro, 36'Collauto.
DOLO RIVIERA DEL BRENTA: Gallo, Palmieri, Mozzato, Scantamburlo, Vio, Martignon, Munaro, Bellan, Niero, Silvestro, Fontolan.
All.: Minto.
VENEZIA primo tempo: Russo; Falcier, Vianello, Nicoletto, Cardin; Borotto, Lelj; Collauto, Mazzeo, Rigoni; Zubin. Secondo tempo: Russo; Nicoletto (32'Falcier), Buso, Vianello (32'Lelj), Malacarne; Kamenei, Casagrande; Florean (23'Nichele A.), Malagò, Signori; Bisiol. All.: Cunico.
ARBITRO: Suman di Venezia.


zonastadio
00Thursday, August 19, 2010 2:22 PM
penso che con un risultato del genere nel forum staremo già cantando il de profundis
GigiBeghetto9
00Thursday, August 19, 2010 8:48 PM
Anche se il v.enezia dovesse acquistare Casillas, Chiellini, Messi e Torres, a fine anno BISOGNA essere davanti al v.enezia! O almeno cacciarli un paio di pere nei derby!
enricoutv83
00Thursday, August 19, 2010 8:55 PM
Dai che sono cotti! :D
enricoutv83
00Friday, August 20, 2010 2:56 PM
da www.gazzettino.it

SERIE D "Bocciato" Ferretti, per ora resta in pole Florean
Venezia, attacco da decidere
Marco De Lazzari


Venerdì 20 Agosto 2010,
Un Venezia ancora incerto sul da farsi continua a non decidere se Lauro Florean sia o meno l'uomo giusto per rinforzare l'attacco.
Il tutto mentre, all'inizio della prossima settimana, potrebbe arrivare l'ok per sistemare il reparto portieri con l'approdo in laguna dal Ravenna del classe '92 Pietro Menegatti (nella foto).
Una mossa quest'ultima che porrebbe fine alla girandola di estremi difensori visionati (o contattati) in queste settimane, senza arrivare tuttora a firmare il giovane giusto per giocarsi la maglia numero uno con Andrea Russo. Ad ogni modo il principale nodo da sciogliere riguarda sempre l'attacco, dove Zubin, Mazzeo e il baby Bisiol necessitano di un rinforzo.
Ieri al Taliercio avrebbe dovuto iniziare il periodo di prova del ventiseienne Gustavo Ferretti: l'argentino di Tolosa-La Plata, già visto in D per cinque stagioni al ChioggiaSottomarina, non è però nemmeno sceso in campo.
Il motivo? «El rulo» nell'aprile scorso a Savona si procurò una frattura da stress al piede sinistro, ora ricomposta, ma non fino al punto di guadagnarsi il via libera da parte dello staff medico lagunare.
Troppi i 40 giorni necessari a Ferretti per essere più o meno al pari con Collauto e compagni, da qui l'immediato addio. A questo punto, sfumato Ligori della Sacilese per il costo eccessivo, resterebbe in pole position Florean, giocatore che da quasi un mese si allena agli ordini di mister Enrico Cunico il quale non ha mai nascosto di apprezzarne le caratteristiche. L'ex punta del Pergocrema una settimana fa pareva intenzionato ad aspettare una chiamata da un club professionistico, 48 ore dopo, invece, stava sudando regolarmente con gli altri arancioneroverdi, a dimostrazione della sua disponibilità a scendere in serie D.
A questo punto, andando per esclusione, l'ultima parola sembra dover spettare al patron Enrico Rigoni, forse non del tutto convinto della soluzione-Florean.
Per questo già dall'amichevole di domani pomeriggio al Taliercio (ore 16.30) contro il Monselice potrebbero arrivare in prova altri giocatori. Quasi sistemata anche la fascia difensiva di destra con il '92 Salmistrari firmato per coprire le spalle a Falcier; nel ruolo l'ultimo tassello potrebbe essere il '92 Zanvettori del Cittadella. Da valutare anche la posizione del giovane esterno offensivo Amos Nichele che ben si è comportato nel test di Dolo terminato 1-1.
Questa mattina alle ore 12 nella sede Carive di Campo San Luca a Venezia è prevista la presentazione della campagna abbonamenti 2010/11.
© riproduzione riservata
enricoutv83
00Saturday, August 21, 2010 3:18 PM
www.gazzettino.it


CALCIO SERIE D Ieri l’annuncio del presidente del Venezia
che aveva programmato il suo disimpegno a fine stagione

Rigoni ci ripensa:
resta per due anni


Sabato 21 Agosto 2010,
Patron Rigoni ci ripensa e rimanda l'addio al Venezia di un paio di stagioni.
«Mi piacerebbe tra due o tre anni - le parole dell'unico proprietario del club arancioneroverde - potermi sedere in tribuna a tifare Venezia come un tifoso normale. Magari ciò accadesse, allora potrei dire di esser giunto alla quadratura del cerchio, all'ideale conclusione del percorso iniziato dodici mesi fa».
Poche frasi quelle di Enrico Rigoni, gettate così, ma passate tutt'altro che inosservate ai presenti, nel corso della presentazione della campagna abbonamenti 2010/11 avvenuta ieri mattina nella sede Carive di Campo San Luca.
Una manciata di considerazioni in tutto ma in controtendenza con quanto lo stesso patron del Venezia aveva dichiarato un paio di volte, l'ultima l'8 luglio scorso, ovvero: «Dieci mesi sono un tempo ragionevole per trovare una nuova proprietà solida al Venezia, dato che a fine campionato io un passo indietro. Questa è la mia intenzione, mi piacerebbe passare la mano da vincente e sostenere solo il settore giovanile».
Ora a otto giorni dal debutto stagionale di Collauto e compagni, in Coppa Italia a Jesolo contro il SandonàJesolo, Enrico Rigoni pare averci ripensato, anche se il condizionale è d'obbligo visto che l'imprenditore di Camposampiero non ha aggiunto alcunché al termine della presentazione.
Rigoni si è limitato a ribadire il suo appoggio e la sua fiducia nei confronti della public company VeneziaUnited, concetti peraltro analoghi a quelli del vicesindaco di Venezia Sandro Simionato.
«È giusto percorrere assieme la strada della public company che può rendere più solido - ha affermato Simionato - un Venezia che è patrimonio della città. L'auspicio è che la collaborazione dell'amministrazione comunale possa quanto prima riguardare altre forze economiche locali, capaci di aiutare Rigoni nel sostenere gli sforzi per rilanciare il Venezia all'insegna dei valori educativi, umani e sportivi».
AL TALIERCIO - Oggi al Taliercio (ore 16) penultima amichevole pre-campionato per gli arancioneroverdi, contro i padovani del Monselice. Oltre all'attaccante Florean in campo ci sarà anche il pariruolo Ranieri Pirro, che già ieri si è allenato agli ordini di mister Enrico Cunico. Pirro, classe '83 napoletano di Pollena Trocchia, nel 2009/10 ha realizzato 14 reti in serie D con il Bikkembergs Fossombrone; in precedenza aveva giocato in Prima Divisione per un triennio alla Fermana, in Seconda con la Sangiustese e in D con Turris (12 gol) e Ischia Isolaverde (14). A breve dovrebbe arrivare in prova anche un attaccante brasiliano, dopo l'immediato addio di due giorni fa all'infortunato argentino ex Chioggia Gustavo Ferretti.
© riproduzione riservata



LUNEDÌ VIA ALLA CAMPAGNA
Obiettivo: più di 1500 abbonamenti
Sabato 21 Agosto 2010,
I vecchi abbonati di tribuna centrale hanno già goduto in questa settimana del diritto di prelazione per confermare lo stesso posto numerato della scorsa stagione. Il via vero e proprio della campagna abbonamenti alla serie D 2010/11 è fissato per lunedì 23 agosto nella sede societaria, in via Gozzi 55 a Mestre all'angolo con Corso del Popolo, e per martedì 24 presso i 26 sportelli Carive della provincia (l'elenco dettagliato sul sito www.veneziaunited.com). I prezzi sono i seguenti: tribuna centrale, abbonamento intero 160 euro, abbonamento ridotto per gli iscritti all'associazione VeneziaUnited 140 euro; distinti centrali (settori 3, 4 e 5) intero 70 euro, VeneziaUnited 55 euro; distinti laterali (settori 1, 2, 6 e 7) intero 60 euro, VeneziaUnited 45 euro; curva sud intero 55 euro, VeneziaUnited e gruppi organizzati 45 euro. Durante tutta la campagna, che si concluderà alla vigilia di domenica 12 settembre, data del debutto casalingo al Penzo del Venezia contro l'Este (ore 15, match valido per la seconda giornata di campionato dopo l'esordio di Concordia) - i tifosi potranno sottoscrivere la tessera d'abbonamento nonché quella di adesione a VeneziaUnited, unendosi così ai 572 soci che già si sono iscritti alla public company.
«Gli obiettivi? Come VeneziaUnited siamo al 15% del nostro percorso - ha sottolineato Franco Vianello Moro, presidente dell'associazione - mentre per quanto riguarda il totale degli abbonati speriamo si possa migliorare il dato (1523 fedelissimi al Penzo, ndr) della scorsa stagione». (m.del.)



ZakkTV
00Saturday, August 21, 2010 10:51 PM
www.venetogol.it

Termina a reti bianche il match tra Venezia e Monselice...

Redazione Veneto , 21/08/2010, ore 19:44 | Scrivi un commento

VENEZIA-MONSELICE 0-0

VENEZIA: Russo, Falcier (1' s.t. Amos Nichele), Cardin (1' s.t. Malacarne), Vianello (1' s.t. Buso), Nicoletto, Matteo Nichele (1' s.t. Casagrande), Collauto (1' s.t. Signori), Lelj (1' s.t. Borotto), Bisiol (1' s.t. Pirro), Mazzeo (1' s.t. Pescara), Rigoni (1' s.t. Malagò). All. Enrico Cunico.
MONSELICE: Loschi, Masiero (1' s.t. Gona), Salviato, Riccardi (28' s.t. Dosso), Sadocco, Cervellin, Dori (42' s.t. Dengo), Roggiero (1' s.t. Porcino), Ndzinga (33' s.t. Masiero), Abubakari, Bonifaccio (17' s.t. Vetere). A disp. Facciolo, Pinato. All. Mario Vittadello.
NOTE: Spettatori 250 circa, con nutrita rappresentanza ospite. Angoli: 8-1. Recuperi: 1' e 3'.

MESTRE. Finisce a reti inviolate l'amichevole tra il Venezia di Enrico Cunico e il Monselice di Mario Vittadello.
Uno 0-0 che va un po' stretto ai padroni di casa, abbastanza spreconi sottoporta, ma che rende onore alla tenace resistenza degli ospiti, che malgrado la categoria di differenza (Eccellenza contro Serie D) sono scesi in campo al «Taliercio» senza timori reverenziali, mostrando un'ottima organizzazione difensiva e qualche buona idea anche in fase propositiva: il Monselice resta comunque un cantiere aperto e la società sta tuttora sondando il mercato a caccia di qualche elemento importante per puntellare la rosa.

La cronaca.
Il Venezia parte all'attacco ma si rende pericoloso soltanto con due punizioni di capitan Collauto (8') e dell'ex Albignasego Mazzeo (21') ben controllate da Luca Loschi.
Il Monselice regge bene l'urto arancioneroverde e il portiere biancorosso è molto bravo ad abbassare la saracinesca su altri due tentativi dei soliti Collauto (26', sinistro all'angolino deviato in angolo) e Mazzeo (34', botta mancina respinta in tuffo).
Gli ospiti davanti si affidano al fisico del bomber camerunense Cedric Ndzinga e alla rapidità del giovane Luca Bonifaccio (classe 1992) e poco prima dell'intervallo sprecano un pericoloso contropiede per un passaggio appena impreciso del mediano italo-uruguagio Martin Roggiero verso un Gloen Dori ormai lanciato in porta.
Nella ripresa il Venezia cambia quasi tutta la squadra ma impensierisce Loschi solo al 68' con un diagonale del neoacquisto Pirro smanacciato in angolo.
È il momento di maggior pressione degli arancioneri, che prima centrano un palo con Malagò (74', deviazione determinante ancora di un super Loschi) e poi falliscono una clamorosa occasione con Signori (86'), che solo davanti al portiere mette alto col mancino.
Finisce così 0-0: per entrambe appuntamento alle prossime amichevoli.


MATTEO LUNARDI

zonastadio
00Saturday, August 21, 2010 10:55 PM
non vorrei dire, ma questi dovrebbero esserci superiori. alla luce dei recenti risultati, qualche dubbio mi viene
ZakkTV
00Saturday, August 21, 2010 11:07 PM
Davvero deludente, adesso stanno comprenado gente. Cetrto che se oltre a Zubin e Mazzeo arrivano quelli che hanno scritto nell'articolo, beh, sono cazzi. Piuttosto non mi convince la loro difesa...

Tutta sta fatica, ma nenache con Vebezia United-Ghea podemo far trovano i schei che servono per fare una rosa da primo posto? Bah...
Quello che mi spavemtà del Sandonà è che la squadra l'hanno pronta da fine luglio, in due settimane hanno preso tutti.
ZakkTV
00Monday, August 23, 2010 2:36 PM
gazzettino


SERIE D Decisa la rinuncia alla punta Florean
È un Venezia da sbadigli

Niente gol con il Monselice

Domenica 22 Agosto 2010,
Un Venezia opaco e fin troppo impreciso impatta a reti bianche contro il Monselice. Niente gol per gli arancioneroverdi nella sesta amichevole estiva, disputata ieri pomeriggio al Taliercio contro un team padovano militante in Eccellenza e che non ha creato alcun problema alla porta di Russo. Al contempo però il Venezia ha faticato a costruire gioco e a rendersi pericoloso, già nel primo tempo nonostante il trentasettenne Collauto (nella foto) abbia provato ad accendere la luce, figurarsi nella ripresa quando mister Cunico ha chiaramente fatto rifiatare il capitano. Fermo ai box Zubin per un affaticamento (ma solo per precauzione) in avanti hanno agito Bisiol nei primi 45', l'ultimo arrivato Pirro - preferito dalla società a Florean, a tutti gli effetti rispedito a casa assieme al camerunense Kameni - nella seconda frazione. Nel complesso, ad una settimana dall'esordio stagionale in Coppa Italia (domenica 29 agosto in casa del SandonàJesolo) e a due da quello in campionato (5 settembre a Concordia) il Venezia deve crescere ancora parecchio sul piano della brillantezza e della lucidità. Contro il Monselice non sono scesi in campo nemmeno gli altri acciaccati, ovvero i difensori Pianu e Salmistrari, attesi comunque in gruppo martedì alla ripresa. L'ultima amichevole della fase di preparazione è fissata per mercoledì prossimo contro il Favaro 1948 di Eccellenza (ore 16.30 campo da definire).
Marco De Lazzari

Il Venezia deve crescere

Dopo la delusione col Monselice c’è il match col SandonàJesolo

Lunedì 23 Agosto 2010,
Il tempo comincia a stringere e il Venezia, che domenica prossima farà visita al SandonàJesolo in Coppa Italia, deve crescere ancora un bel pò. L'hanno confermato le ultime due amichevoli, pareggiate 1-1 e 0-0 contro i team di Eccellenza del Dolo Riviera del Brenta e del Monselice. Il 29 agosto al Picchi di Jesolo (ore 16) si farà sul serio e anche se la Coppa Italia verrà presa, da copione, come un test in vista del debutto in serie D della settimana successiva, è lecito attendersi delle risposte di spessore da parte di un Venezia tuttora da «lavori in corso».
«Se devo essere onesto io per primo - ammette Enrico Cunico, allenatore lagunare - devo ammettere che arrivati a questo punto, dopo un mese di preparazione, mi sarei aspettato un pizzico di brillantezza in più da parte dei miei ragazzi. Ai quali ad ogni modo non ho nulla da rimproverare sul piano dell'impegno».
Se a Dolo era mancato solo un pò di cinismo in più sotto porta, contro il Monselice il Venezia ha stentato sul piano del gioco.
«Di buono c'è che in difesa concediamo pochissimo, dopodiché nel ripartire arriviamo bene fino alla trequarti campo, per poi faticare nell'ultimo passaggio. Ciò nonostante anche al Monselice avremmo potuto realizzare alcuni gol, le occasioni sono state almeno cinque o sei. Le gambe sono pesanti e non aiutano ad essere belli esteticamente, peraltro qualche giocatore è più avanti rispetto a qualche altro. Dobbiamo puntare ad arrivare al campionato con una condizione il più possibile omogenea».
Dei progressi sono attesi già a metà settimana: domani il Venezia si ritroverà al Taliercio, mercoledì invece (ore 16.30, campo da definire) affronterà il Favaro 1948, altra compagine di Eccellenza.
«La squadra conta tanti giocatori nuovi, alcuni sono alla prima esperienza fuori dal settore giovanile - ricorda Cunico - quindi per assemblarci e amalgamarci ci vuole inevitabilmente un pò di tempo».
In queste ore dovrebbe finalmente arrivare un altro portiere, il classe '92 Pietro Menegatti dal Ravenna, visto che a due settimane dal debutto in campionato (5 settembre a Concordia) il Venezia ha il solo Russo come estremo difensore. La società alla fine ha poi firmato a sorpresa l'attaccante Pirro, scaricando Florean che pur da venti giorni si allenava con Collauto e compagni. Il camerunense Kameni è stato bocciato, in bilico anche Amos Nichele, le cui caratteristiche da esterno sono più offensive che difensive. Per coprire le spalle a Falcier il ds Seno tiene d'occhio Zanvettori del Cittadella.

IL PERSONAGGIO

Pirro alla ricerca della via del gol
«Entusiasta di stare a Venezia»


Lunedì 23 Agosto 2010,
Tra i professionisti di Prima e Seconda Divisione ha disputato quattro campionati, tre alla Fermana e uno alla Sangiustese, collezionando quasi cento presenze ma realizzando in tutto 12 reti. Al contrario quando è sceso in serie D, il neo arancioneroverde Ranieri Pirro ha trovato con una certa regolarità la via del gol: 12 con la Turris nel 2006/07, 18 l'anno dopo tra Turris ed Ischia Isolaverde, 14 infine nella scorsa stagione con il Bikkembergs Fossombrone. Toccherà al ventisettenne napoletano di Pollena Trocchia dare una mano in attacco a Zubin e Mazzeo consentendo al diciottenne Bisiol di crescere senza affanni.
«Ho sempre giocato in Campania o nelle Marche - si racconta Pirro - mi appresto a vivere la mia prima esperienza al nord e sono entusiasta che ciò possa accadere in una piazza come Venezia. Ho grandi motivazioni, so delle ambizioni e del progetto della società di crescere e risalire: non potrebbe davvero essere altrimenti».
Ranieri Pirro, cresciuto calcisticamente nella Salernitana, sbarca in laguna per iniziare a scrivere una nuova pagina della sua carriera.
«Comincio da zero, devo conoscere tutto e tutti, ma sono pronto a lavorare duramente anche perché sono indietro di condizione. Ho solo qualche allenamento, per giunta svolto da solo, nella gambe. Le mie caratteristiche? Sono una prima punta ma no di quelle statiche, cerco di muovermi molto per la squadra e per aprire spazi per l'inserimento dei compagni. Mi servirà un pò di tempo, però voglio mettermi in fretta al pari con la squadra, qualora dovesse servire posso allargarmi e giocare anche più esterno sul fronte offensivo».
Nel 2009/10 Pirro è stato un riferimento importante per il Fossombrone nel girone D di serie D.
«Il campionato scorso l'ha dominato il Pisa, alle sue spalle si è piazzato il Carpi mentre con il Fossombrone ci piazzammo terzi qualificandoci per i playoff, dove uscimmo subito in semifinale perdendo 1-0 con il ChioggiaSottomarina. Ci aspetta un campionato equilibrato, da quello che mi dicono parecchie squadre possono puntare alle posizioni di vertice. Anche il Venezia mi auguro sarà lassù in alto: quel che è certo è che voglio esserci anch'io».
(m.del.)

TIFOSI Da questa mattina sarà possibile aderire alla public company
Parte la campagna abbonamenti


Lunedì 23 Agosto 2010,
«Fai parte di un sogno, diventa proprietario del tuo club». Lo slogan che fin dall'inizio è stato usato per lanciare la public company VeneziaUnited, raddoppia da oggi il suo significato. Oggi parte, infatti, la campagna abbonamenti 2010/11 alla serie D del Venezia, studiata a quattro mani dai promotori dell'azionariato popolare e dalla società arancioneroverde. Lo scorso anno, il primo del tentativo di rinascita dopo la deriva della precedente gestione societaria Poletti-Golban, gli «aficionados» furono 1523: ora l'aspettativa dichiarata è quella di ritoccare all'insù quel dato andando, al contempo, ad accrescere il coinvolgimento popolare di VeneziaUnited. Da questa mattina i tifosi potranno abbonarsi recandosi a Mestre nella sede del Venezia, in via Gozzi 55 all'angolo con Corso del Popolo, mentre da domani è stata annunciata la piena operatività di 26 sportelli Carive in tutta la provincia. Nel dettaglio le filiali messe a disposizione sono tre in centro storico più una al Lido, sei a Mestre, due a Chioggia, una a Favaro Veneto, Marghera, Marcon, Caorle, Dolo, Jesolo Lido, Mira, Oriago, Mirano, Noale e Spinea; non mancano nemmeno Portogruaro e San Donà di Piave (due), dove il Venezia proverà a strappare qualche fedelissimo vincendo la concorrenza dei cugini del PortoSummaga di serie B e del SandonàJesolo di serie D (l'elenco dettagliato degli sportelli è consultabile sul sito www.veneziaunited.com). I prezzi: in tribuna centrale l'abbonamento intero costa 160 euro, 140 invece per gli iscritti all'associazione VeneziaUnited; distinti centrali (settori 3, 4 e 5) intero 70 euro, VeneziaUnited 55 euro; distinti laterali (settori 1, 2, 6 e 7) intero 60 euro, VeneziaUnited 45 euro; curva sud intero 55 euro, VeneziaUnited e gruppi organizzati 45 euro.
(m.del.)




GigiBeghetto9
00Monday, August 23, 2010 8:39 PM
fonte:www.tuttolegapro.com

UFFICIALE: Florean al Mezzocorona
L'attaccante Lauro Florean è un giocatore del Mezzocorona. Il direttore sportivo Alberto Briaschi ha ingaggiato oggi l'ex Pergocrema, che va così a completare il reparto offensivo a disposizione di mister Maraner formato da i centravanti Zanetti e Cognigni e dal capitano Daniele Ferretti. Florean è nato il 6 settembre 1981 a Motta di Livenza in provincia di Treviso ed è un attaccante duttile, che può ricoprire sia il ruolo di centravanti sia di seconda punta. Considerando anche le due giornate di squalifica che Ferretti dovrà scontare ad inizio campionato, il suo arrivo risulta particolarmente utile.
Florean nelle ultime due stagioni ha vestito la maglia del Pergocrema in Lega Pro I divisione, ma nel suo curriculum ci sono anche Carrarese (C2), Prato (C1), Venezia (C1), Pavia (C1), Treviso (C1), Spezia (C1) e Viterbese (C1). L'attaccante è arrivato oggi a Mezzocorona, e già questo pomeriggio si allenerà con i nuovi compagni. Certamente non sarà a disposizione per il match di Coppa Italia di mercoledì, ma ci sarà per l?esordio in campionato di domenica 29 agosto.
zonastadio
00Monday, August 23, 2010 9:08 PM
ecco, e dopo ci lamentiamo di corvezzo
ZakkTV
00Monday, August 23, 2010 9:37 PM
Re:
zonastadio, 23/08/2010 21.08:

ecco, e dopo ci lamentiamo di corvezzo



.... [SM=x397165]
Ma hanno preso Pirro, che a quanto pare la mette dentro con regolarità. Si aggiunge a Zubin, che ne ha fatti ben 16, e in Seconda Divisione, e a Mazzeo, che se non sbaglio ha fatto molto bene ad Albignasego.
GigiBeghetto9
00Monday, August 23, 2010 9:41 PM
E poi Florean ha accettato da una categoria superiore, al Treviso è successo solo con Panizza... Zubin, Furlanetto, Gambino e altri sono nella stessa categoria del Treviso... Stocco addirittura è sceso in Eccellenza se non sbaglio... Per di più Florean è andato a sostituire Panizza al Mezzocorona...
ZakkTV
00Monday, August 23, 2010 9:48 PM
Comunque il problema è sempre il solito, i schei. [SM=g2172117] Il caso di Stocco dimostra che se paghi bene il problema categoria passa in secondo piano. L'anno scorso in Eccellenza c'era gente come Caco che veniva pagata profumatamente, cifre che certi giocatori anche in Seconda Divisione si sognano...

A Venezia con Florean è andata così, ha rotto le palle per due settimane chiedendo troppi soldi, è andata in scena una telenovela: prima lo tesserano, poi no, ma lui ci ripensa e rimane, infine lo cacciano a calci nel sedere. [SM=x397166]
Certo che c'è parecchia confusione in laguna...
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 3:34 PM.
Copyright © 2000-2021 FFZ srl - www.freeforumzone.com