Forza Treviso Forza Treviso: il forum non ufficiale del Treviso Fbc!!! Treviso calcio e dintorni

Pro Patria

  • Posts
  • OFFLINE
    enricoutv83
    Post: 55,310
    Registered in: 4/5/2004
    Location: TREVISO
    Age: 37
    Gender: Male
    Admin
    00 8/6/2011 4:20 PM
    Dopo 8 anni ritroviamo sul nostro cammino i bustocchi.
    L'ultima volta andò molto bene (3-1 a Busto, 3-0 a Treviso), speriamo di ripeterci quest'anno.
    Pro Patria che avevamo lasciato con una salvezza tranquilla nel campionato 2002-2003 di C1, categoria dove hanno militato fino al 2010 quando hanno perso i play-out con la Valenzana; proprio le "code" stagionali sono una curiosa costante degli "hoops" in questi ultimi 4 anni: nel 2008 in C1 hanno perso i play-out contro il Verona ma poi vennero ripescati, nel 2009 hanno perso la finale play-off per la B contro il Padova, nel 2010 hanno perso i play-out, come già detto, contro il Pergocrema, mentre l'anno scorso in C2 hanno perso la finale play-off contro il Feralpi Salò.

    La società ha comunque subito due fallimenti nel giro di 36 mesi, senza però mai perdere la categoria; ora il presidente è Vavassori Pietro ( www.italsempione.it ), più altri soci minori di Busto Arsizio.

    L'allenatore sarà Giovanni Cusatis, promosso dal settore giovanile.

    Busto Arsizio (Va) 82.000 abitanti

    Colori sociali. maglia a strisce orizzontali bianocblù, pantaloncini bianchi, calzettoni bianchi con bordi blù o a strisce orizzontali biancolù

    Sede via Zappellini, Busto Arsizio 21052 (Va)

    Stadio "Carlo Speroni", via Cà Bianca - 21052 Busto Arsizio (Va)
    Capienza (105 x 65) Capienza 4.500 spettatori

    STAFF

    Proprietà: Ass.Pro (90% Pietro Vavassori, 5% Aperta Fiduciaria composta da, Angelo Zaro e Walter Giavazzi; 5% Nuovo Modulo Srl)

    Presidente: Angelo Zaro


    Responsabile area tecnica: Raffaele Ferrara
    Responsabile amministrativo: Fulvio Radaelli
    Rapporti con le istituzioni: Alberto Armiraglo
    Segretario generale: Italo Federici
    Segreteria: Saverio Granato – Vittorio Zullo
    Team manager: Danilo Grassi
    Web-master Michele Montesano - Christian Moroni


    Allenatore: Giovanni Cusatis
    All. in seconda: Oreste Didonè
    Preparatore atletico: Dott. Carlo Simonelli
    Preparatore portieri: Claudio Rapaccioli
    Responsabile osservatori: Mariano Armonia

    Responsabile Sanitario: Dott. Luca Castiglioni
    Responsabile Sanitario: Dott. Luigi Valcarenghi
    Massaggiatore: Remigio Del Sole
    Osteopata: Ector Bonzano

    Responsabile magazzini: Eddi Fabbro
    Magazziniere: Pino Bustrenghi
    [Edited by enricoutv83 8/6/2011 7:52 PM]


  • OFFLINE
    ZakkTV
    Post: 24,227
    Registered in: 12/23/2005
    Gender: Male
    Vice-Admin
    00 8/6/2011 4:23 PM
    Mi stanno "simpatiche" le squadre col nome "Pro" (vedi anche la gloriosa Pro Vercelli), sa di calcio antico. E poi la Pro Patria ha una maglia originalissima per essere una squadra di calcio, con le righe blu a bande orizzontali.
    [Edited by ZakkTV 8/6/2011 4:26 PM]
  • OFFLINE
    enricoutv83
    Post: 55,310
    Registered in: 4/5/2004
    Location: TREVISO
    Age: 37
    Gender: Male
    Admin
    00 8/6/2011 5:24 PM
    La squadra.
    Innanzitutto, "grazie" alla gestione societaria dello scorso anno, la squadra sarà penalizzata, con un minimo di 5 punti, e un massimo di 10.
    Al momento, il portiere è Matteo Andreoletti (1989), l'anno scorso 10 presenze proprio a Busto; l'alternativa è Valerio Frasca (1991), portiere scuola Roma, l'anno scorso 4 presenze alla Villacidrese in C2.
    In difesa confermati Devis Nossa (1985), una buona carriera tra C1 e C2 (Pavia, Acireale, San Marino, Pro Patria, Manfredonia, Barletta e di nuovo Pro Patria), Dario Polverini (1987), difensore centrale 13 presenze 1 gol la scorsa stagione, e Rudi Mariano (1990); sono arrivati Bonfanti dalla Caratese (1992, 24 presenze in serie D), Botturi dall'Acquanera (1991, 29 presenze in una stagione e mezza al Voghera, 15 all'Acquanera in 6 mesi l'anno scorso), Caterisano (1992, 20 presenze in D all'Hintereggio), Gambaretti dalla Cremonese (1992, 1 presenza in c1 lo scorso anno) e Pantaleo Giordano dalla primavera della Lazio (1992).
    A centrocampo, i confermati sono Mirko Bruccini (1986, quarta stagione di fila alla Pro Patria) e Alessandro Cortesi (1987, ex Rovigo, Spal e Monopoli); i nuovi arrivi sono Artaria dal Novara (1991), Mora (1988, 54 presenze e 4 gol nelle ultime due stagioni in C2) e Vignali (1989, 26 presenze nell'ultima stagione, la terza di fila in C2) entrambi dal Crociati Noceto, e Siano dalla Cavese (1991, 9 presenze l'anno scorso in C1).
    In attacco la situazione è buona: il colpo è Giuseppe Cozzolino (1985), che ha giocato in serie A col Lecce (25 presenze 2 gol), mentre l'anno scorso si è perso dopo aver disputato un gran campionato 2009-2010 col Como in c1 (35 presenze, 13 gol), e a gennaio è andato all'Andria, senza riuscire a combinare molto.
    A fare coppia con Cozzolino ci penserà una nostra vecchia conoscenza, quel Mattia Serafini (1978) accostato al Treviso in un paio di mercati estivi, e famoso per aver realizzato la famosa tripletta alla Juve in Brescia-Juve 3-1 (2006-2007); Serafini è alla terza stagione di fila alla Pro Patria, e finora ha totalizzato 61 presenze e 16 gol tra C1 e C2; il parco attaccanti è completato dagli arrivi di Baldan dal Novara (1991), Comi dalla Insubria (1990) e soprattutto Dalla Costa Marco (1988, 2 anni fa 13 gol in 29 presenze alla Caronnese in D).


  • OFFLINE
    enricoutv83
    Post: 55,310
    Registered in: 4/5/2004
    Location: TREVISO
    Age: 37
    Gender: Male
    Admin
    00 8/8/2011 1:41 AM
    da www.laprovinciadivarese.it/stories/busto%20e%20valle%20olona/224167_pro_patria_addio_coppa_italia_il_lumezzane_vinc...

    Pro Patria, addio Coppa Italia
    Il Lumezzane vince 4 a 1


    7 agosto 2011 Sport Commenta

    Busto Arsizio - Giornata nera per Andreoletti (Foto by daniele belosio/varese press srl)
    LUMEZZANE La saga degli errori tigrotti decide la partita. Nel primo tempo troneggia Andreoletti con tre "perle" da oratorio. Nella ripresa ci pensano gli attaccanti a non inquadrare la porta. E così passa il turno il Lumezzane. Sui novanta minuti da incubo hanno però anche inciso le assenze di Mora e Cozzolino a metà campo e in attacco.
    Al primo tiro in porta i bresciani vanno in vantaggio. Ferrari si aggiusta la palla sui venti metri scaricando un sinistro che lascia di sale il portiere Andreoletti, forse sorpreso dalla deviazione di un compagno.
    Dopo tre minuti Cortesi perde banalmente una palla sulla propria trequarti innescando il contropiede di Inglese che prova da lontano, ma Andreoletti se la sbriga in due tempi.
    Senza forzare i ritmi il Lumezzane raddoppia. Cross dalla trequarti destra di Finazzi, Andreoletti va a spasso per l'area di rigore e Inglese schiaccia di testa in rete senza dannarsi.
    Al 21' tigrotti scoperti su contropiede di Ferrari, che appoggia sul disco del rigore per Inglese che sbaglia il più facile dei gol.
    La risposta della Pro arriva al 25' con cross di Gjoni dalla destra e colpo di testa di Dalla Costa che non va di molto oltre il sette bresciano.
    Triplica il Lumezzane ed è imbarazzante il comportamento di Andreoletti che prende un gol da trenta metri su un destro di Inglese che punta il suo destro sperando nel centro e ci riesce tanto da non crederci.
    Un lampo tigrotto nel minuto di recupero con il giovanissimo Gjoni che di testa mette nel sacco su preciso cross dalla sinistra di Vignali.
    Nella ripresa, all'8' ecco una buona combinazione Bruccini-Comi-Bruccini con palla rasoterra al centro, ma nessuno dei tigrotti accorcia per andare al gol. Un minuto dopo, Dalla Costa manda sul fondo l'occasione per rimettere la Pro in partita.
    Bello schema su punizione di Cortesi che appoggia al liberissimo Nossa al 16', ma il sinistro del bergasmasco fa la barba al palo.
    E dopo due errori biancoblù arriva il quarto gol bresciano ancora con Inglese, libero in area di mettere nel sacco su assist del solito Ferrari.
    Nei minuti di recupero Dalla Costa solo, col portiere a terra, manda il pallone sulle caviglie di Emerson e chiude il festival degli errori.
    Giovanni Toia

    © riproduzione riservata






    da www3.varesenews.it/sport/articolo.php?id=210941

    CALCIO
    La Pro Patria stecca la prima: ko a Lumezzane
    I tigrotti vengono sconfitti 4-1 nel primo turno di Coppa Italia contro i rossoblu bresciani. Inglese firma tre gol, Andreoletti lo aiuta



    La Pro Patria perde 4-1 in casa del Lumezzane, squadra di Prima Divisione, e dice addio alla Coppa Italia e alla speranza di incrociare il Torino al prossimo turno. Protagonista in positivo della gara è stato Inglese, autore di una tripletta, ma Andreoletti, purtroppo per la Pro, ha aiutato il bomber di casa concedendogli due gol con due errori inspiegabili. La squadra di Cusatis nel complesso non ha fatto male, gestendo la palla con personalità e credendo in una rimonta che avrebbe avuto del grandiso ad inizio ripresa, ma ancora molti aspetti rimangono da perfezionare e molte domande rimangono ancora senza risposta.
    FISCHIO D’INIZIO – Giovanni Cusatis fa il proprio esordio sulla panchina della prima squadra tigrotta, schierando un 4-3-1-2 con Andreoletti tra i pali. In difesa Nossa e Botturi sono i centrali, a destra c'è Bonfanti e a sinistra Taino. A centrocampo Cortesi gioca da playmaker, fiancheggiato sulle mezzali da Bruccini e Vignali. In zona offensiva Gjoni agisce alle spalle di Serafini e Dalla Costa. Buona rappresentanza di tifosi da Busto Arsizio, superiori per numero ai padroni di casa.

    IL PRIMO TEMPO – Nei primi minuti la Pro si dimostra tonica, anche se non crea veri e proprie insidie alla difesa del Lumezzane, ma i padroni di casa al 10', al primo tiro in porta, si portano in vantaggio con Ferrari, che batte Andreoletti con un sinistro dalla distanza deviato dalla difesa biancoblu. I tigrotti palleggiano bene, ma non riescono a sfondare, e al 20' subiscono il raddoppio dei rossoblu con Inglese, che sfrutta un'uscita a vuoto di Andreoletti su cross dalla destra di Finazzi per mettere in rete di testa. Al 23' gli attaccanti bresciani sprecano una ghiotta occasione ancora con Inglese che mette a lato un ottimo assist di Ferrari. Al 26' arriva la prima occasione da gol per la Pro, con Dalla Costa che di testa mette a lato un traversone dalla sinistra di Gjoni. La terza rete per i padroni di casa arriva al 40' con Inglese, che batte un immobile Andreoletti con un tiro centrale dai trenta metri. Il primo tempo si chiude con il gol della speranza biancoblu, messo a segno dal giovane Gjoni, che supera Rossi con un colpo di testa su cross dalla sinistra di Vignali.

    LA RIPRESA – Ricomincia la gara con due cambi per la Pro: Siano entra al posto di Vignali e Comi al posto di Gjoni. Al 6' si fa vedere in attacco la squadra di Cusatis: da un lancio lungo Serafini fa sponda per Comi, che però sbaglia il tiro mandando a lato. Al 9' Dalla Costa spreca una grande occasione mandando a lato a tu per tu con il portiere di casa. Al 12' Cortesi batte una punizione facendo passare la palla sotto alla barriera, ma Rossi è attento e mette in angolo. Al 16' l Pro butta via un'altra incredibile opportunità, questa volta con Nossa, che raccoglie una punizione di Cortesi ma manda a lato il tiro a botta sicura. Al 18' il Lumezzane però chiude i conti, ancora con Inglese, che mette a segno il proprio terzo gol, il quarto per la sua squadra, mettendo in rete con una conclusione dal cuore dell'area. Al 34' si ravviva un po' una gara ormai spenta sull'asse Bradaschia-Gasparetto, con quest'ultimo che non riesce a trovare la deviazione vincente sul tiro-cross del compagno. Al 45' Dalla Costa prova a mettere il proprio timbro alla gara, ma il tentativo della punta biancoblu viene respinto sulla linea dalla difesa.

    TABELLINO

    Lumezzane – Pro Patria 4-1 (3-1)

    Marcatori: al 10' pt Ferrari (L), al 20' pt, al 40' pt e al 18' st Inglese (L), al 47' st Gjoni (PP).

    Lumezzane (4-3-3): Rossi, Luciani, Mollestam, Emerson, Pini, Bradaschia, Finazzi, Dadson (dal 32' st Sevieri), Faroni (dal 15' st Fondi), Inglese (dal 20' st Gasparetto), Ferrari. All. Nicola

    Pro Patria (4-3-1-2): Andreoletti, Bonfanti, Nossa, Botturi, Taino, Cortesi (dal 24' st Ghidoli), Bruccini, Vignali (dal 1' st Siano), Gjoni (dal 1' st Comi), Serafini, Dalla Costa. All. Cusatis.

    Arbitro: Bellotti di Verona (Caliari e Bertasi; IV uomo: Fanton di Lodi).

    Note: giornata coperta, terreno scivoloso ma in buone condizioni.

    Ammoniti: Faroni, Finazzi per il Lumezzane; Vignali, Bonfanti e Cortesi per la Pro Patria. Calci d'angolo: 3-3.

    7/08/2011
    Francesco Mazzolenisport@varesenews.it


  • OFFLINE
    enricoutv83
    Post: 55,310
    Registered in: 4/5/2004
    Location: TREVISO
    Age: 37
    Gender: Male
    Admin
    00 8/23/2011 2:28 AM
    www.informazioneonline.it/LAY009/L00909.aspx?arg=1001&id=2020

    Sport
    Tutte le news di Sport

    CALCIO - GOLAZO DELL’EX-ATTACCANTE PRO PATRIA
    Urbano, ecco la “rabona maravilla”

    BUSTO ARSIZIO - Qualcuno si ricorda “El Pescadito” Urbano? In maglia Pro Patria non ha certo lasciato ricordi indelebili nell’unica stagione, 2009/2010, disputata coi colori biancoblù, la prima sotto la guida del Presidente Antonio Tesoro, culminata poi con la retrocessione della squadra in Seconda divisione.

    Per Matias Urbano, in quell’anno, 22 presenze (per lo più da subentrante) e due gol. Ora, torna alla ribalta delle cronache pallonare, non più per la sua stravagante esultanza (che riproduce appunto un pesce appena pescato, da qui il soprannome “pescadito”), ma per una rete che vale, 10, 100, 1.000 realizzazioni in una sola volta.

    È un meraviglioso gol di rabona quello che mette a segno l’attuale attaccante dell’Uniòn San Felipe, squadra di prima divisione cilena, contro l’Union La Calera.
    Su un cross proveniente dalla sinistra, Urbano si coordina e colpisce il pallone con una “rabona” (cioè incrociando la gamba destra - quella che tocca il pallone - dietro la sinistra) infilandolo all’angolino basso, proprio dove il portiere non può arrivare. Un raro capolavoro calcistico...

    Per vederlo è molto semplice, il gol ha fatto il giro del globo e innumerevoli siti web pubblicano il video. Se in Google si scrive “Urbano gol di rabona”, tutta la prima pagina dei risultati è dedicata al golazo dell’attaccante argentino ex-Pro Patria.

    Dopo el “niño maravilla”, Alexis Sanchez, ex-giocatore dell’Udinese passato al Barcellona, ora in Cile conoscono anche la “rabona maravilla” di Matias Urbano, talmente incantevole da abbagliare sia arbitro che guardalinee perché, al momento di ricevere il cross dalla sinistra, l’attaccante è in netto fuorigioco.
    Facciamola passare come una “licenza poetica”, una svista volontaria che la terna arbitrale s’è concessa per non cancellare la poesia d’un gesto tecnico tanto perfetto quanto incredibile.

    Alessio Murace
    pubblicato il: 11/08/2011


  • OFFLINE
    enricoutv83
    Post: 55,310
    Registered in: 4/5/2004
    Location: TREVISO
    Age: 37
    Gender: Male
    Admin
    00 8/26/2011 4:05 PM
    www3.varesenews.it/busto/articolo.php?id=211792

    BUSTO ARSIZIO
    Sotto la protezione di San Giovanni, si presenta la nuova Pro
    L'intera rosa della Pro Patria ha fatto la sua apparizione nella piazza centrale per presentarsi prima dell'inizio del campionato. Il presidente Zaro e il mister Cusatis si appellano ai tifosi: "Entreremo nei vostri cuori"

    | Stampa | Invia | Scrivi
    Commenti | Galleria foto


    Sono saliti uno per uno sui gradoni della basilica di San Giovanni davanti ad una piazza piena di tifosi e semplici curiosi i 27 giocatori della Pro Patria 2011-2012, una squadra giovane e che, forse, molti disperavano ormai di vedere nuovamente in piazza per la presentazione a pochi giorni dal'inizio del campionato. Grazie a Pietro Vavassori, nuovo patron dei biancoblù, l'incubo sembra essere alle spalle e i mitici colori della squadra bustocca saranno presenti nel girone A del campionato di Seconda Divisione.

    Ieri sera, con una chiesa tinta di bianco e di blu grazie alla semplice ma efficace scenografia preparata, i giocatori e la dirigenza hanno salutato i tifosi e hanno promesso battaglia in difesa dell'orgoglio calcistico locale a dispetto delle tante difficoltà patite negli ultimi anni. Sia il presidente Angelo Zaro che il mister Giovanni Cusatis hanno ammesso che quello di quest'anno sarà un campionato difficile, di sopravvivenza nella categoria a causa soprattutto delle penalizzazioni ma hanno chiesto ai tifosi fiducia e sostegno per superare le difficoltà che si presenteranno. «Entreremo nei vostri cuori» - ha detto il mister ai supporters.

    L'organico è molto giovane e solo qualche senatore della gloriosa squadra dello scorso anno è rimasto a Busto. Applausi, dunque, per Matteo Serafini, Dalla Costa, Polverini, Nossa ma anche per i tanti giovani provenienti dai settori giovanili della Pro. Occhi puntati, invece, sul bomber Cozzolino che pare essere davvero di categoria superiore. L'abbraccio dei tifosi, comunque, non è mancato e adesso c'è da vedere come questa nuova amalgama riuscirà a produrre risultati nei prossimi mesi.
    26/08/2011


  • OFFLINE
    enricoutv83
    Post: 55,310
    Registered in: 4/5/2004
    Location: TREVISO
    Age: 37
    Gender: Male
    Admin
    00 8/29/2011 6:13 PM



    www3.varesenews.it/busto/articolo.php?id=211881

    CALCIO
    Pro Patria in forma, 3-1 alla Samp Primavera
    Nell'ultima amichevole precampionato buona prova dei tigrotti, che si impongono con una doppietta di Cozzolino e un gol di Serafini. Nella ripresa Cusatis dà spazio a tutte le seconde linee


    Buona prova della Pro Patria nell’ultimo test amichevole contro la squadra Primavera della Sampdoria, prima dell’esordio in campionato in programma per domenica 4 settembre. La squadra di Cusatis chiude l’incontro sul 3-1 mantenendo il controllo del gioco per buona parte della gara e mostrando meccanismi ben oliati soprattutto in fase offensiva, con Serafini e Bruccini sugli scudi. A finalizzare la manovra è però ancora una volta Cozzolino, autore di una doppietta. I giovani della Sampdoria, guidati da una vecchia conoscenza come Felice Tufano, appaiono d’altra parte ancora imballati e faticano ad esprimere un gioco convincente, rendendosi pericolosi solo nel finale del primo tempo. Per Cusatis discrete indicazioni anche da alcuni dei giovani schierati nella ripresa, tra cui il giovane portiere Vavassori, figlio del patron Pietro (anche lui presente allo stadio malgrado il lutto che lo ha colpito in giornata con la scomparsa della moglie Alessandra Sgarella).

    LA CRONACA – Pubblico numeroso allo Speroni per l’ultima uscita dei tigrotti prima dell’esordio in campionato. La Pro Patria gioca in tenuta interamente rossa, mentre la Sampdoria si presenta con l’inconfondibile maglia blucerchiata; Cusatis sceglie il 4-4-2 con un rombo a centrocampo formato da Cortesi davanti alla difesa, Vignali e Mora esterni, Bruccini più avanzato. Dopo pochi secondi di gioco è proprio Bruccini a rendersi pericoloso con una punizione che sfiora l’incrocio dei pali. Per un’altra emozione bisogna aspettare l’11’, quando da una bella azione sulla sinistra di Serafini nasce una nuova conclusione di Bruccini, che termina di poco fuori alla sinistra di Tozzo. La Samp prova a farsi viva con un paio di cross pericolosi, ma la Pro Patria riparte velocemente e al 20’ trova il gol: merito in gran parte di Serafini, che con un’improvvisa verticalizzazione dalla trequarti serve Cozzolino. Il compagno di reparto scarta il portiere in uscita e poi, evitando il ritorno di due difensori, deposita il pallone nell’angolino opposto. Al 30’ ancora Pro Patria vicina al gol: i soliti Bruccini e Serafini triangolano bene al limite e smarcano Mora davanti al portiere, ma l’esterno sbaglia tutto. Dopo un paio di tentativi andati a vuoto, al 41’ arriva il raddoppio: ancora un’azione in velocità, il portiere esce su Cozzolino ma si lascia sfuggire il pallone, e dopo un batti e ribatti in area è Serafini a mettere dentro a porta vuota. Nel finale reagisce finalmente la Sampdoria: prima Andreoletti smanaccia una conclusione di Rolando, poi Zampano conclude a lato dall’interno dell’area. Infine, nel recupero, Monticone anticipa tutti e mette dentro sul calcio d’angolo di Martinelli, ma l’arbitro annulla il gol per fallo di mano.

    SECONDO TEMPO – Cusatis lascia negli spogliatoi Serafini dando spazio a Dalla Costa, e l’attaccante si rende subito protagonista: prima impegna Tozzo con una conclusione a colpo sicuro su precisa imbeccata di Polverini, poi costringe il portiere della Samp alla parata in due tempi dopo una triangolazione con Bruccini. Comincia la girandola di sostituzioni che cambia volto alle due squadre, rendendo il gioco decisamente meno fluido, ma al 17’ Cozzolino beffa tutti battendo a sorpresa una punizione dalla trequarti che lui stesso si era procurato, e si inventa così il gol del 3-0. Al 28’ Gjoni lancia bene Chiodini, che entra in area e colpisce l’esterno della rete; la Sampdoria si fa viva al 36’ con Matranga, che costringe Vavassori a una bella deviazione sopra la traversa. Finale senza emozioni ma proprio al 45’ Lombardo sorprende Vavassori con una punizione rasoterra dal lato corto dell’area, non trattenuta dal portiere biancoblu.

    IL COMMENTO - Soddisfatto della prestazione il tecnico Giovanni Cusatis: "C'è ancora qualcosa da limare ma stiamo migliorando, soprattutto abbiamo lavorato bene con gli esterni bassi e ci siamo mossi nel modo giusto al centro del campo. Con questi giocatori bisogna avere pazienza, sono giovani, l'importante è che si mantengano sereni e tranquilli". L'allenatore della Pro Patria pensa anche al mercato: "Sicuramente ci serve un difensore centrale, nei prossimi giorni vedremo se reintegrare Rudi o scambiarlo con un altro giocatore. Di certo vogliamo un difensore che sappia muovere la palla e abbia personalità. Per il centrocampo, invece, vedremo se verrà fuori qualche nome da qui alla chiusura". I biancoblu avranno ora due giorni di riposo, poi riprenderanno martedì 30 agosto in vista della sfida con il Santarcangelo: c'è da recuperare Siano, rimasto a riposo per un problema al tendine.

    Pro Patria-Sampdoria Primavera 3-1 (2-0)
    Pro Patria: Andreoletti (25’ s.t. Vavassori), Gambaretti (25’ s.t. Calandra), Pantano (25’ s.t. Taino), Cortesi (8’ s.t. Baldan), Nossa, Polverini (25’ s.t. Botturi), Mora (25’ s..t. Gjoni), Vignali, Serafini (1’ s.t. Dalla Costa), Bruccini (25’ s.t. Gjoni), Cozzolino (20’ s.t. Chiodini). All. Cusatis.
    Sampdoria: Tozzo, Raso, Serrano (21’ s.t. Iannelli), Martinelli (25’ s.t. Pfrunder), Monticone, Rolando (16’ s.t. Lombardo), Matranga (37’ s.t. Porro), Zampano, Austoni, Ghiglia (1’ s.t. Caffarata), Beretta (11’ s.t. Savic). A disposizione: Dondero. All. Tufano.
    Arbitro: Dalla Palma di Milano (Crespi di Busto Arsizio e Balzarotti di Saronno).
    Marcatori: p.t.: 20’ Cozzolino (P), 41’ Serafini (P); s.t.: 17’ Cozzolino (P), 45’ Lombardo (S).
    27/08/2011
    Eugenio Peraltasport@varesenews.it


  • OFFLINE
    enricoutv83
    Post: 55,310
    Registered in: 4/5/2004
    Location: TREVISO
    Age: 37
    Gender: Male
    Admin
    00 8/29/2011 6:14 PM
    www3.varesenews.it/sport/articolo.php?id=211640

    CALCIO

    Per la Pro Patria abbonamenti a rilento

    Solo un centinaio le tessere sottoscritte a dieci giorni dall'inizio del campionato. I prezzi più alti ma anche la tessera del tifoso tra le cause della disaffezione. Giovedì 25 la presentazione in piazza



    Nel clima afoso che opprime Busto Arsizio in queste ultime ore, tra i pochi a restare... freddini ci sono i tifosi della Pro Patria: appare decisamente scarso l'entusiasmo dei supporter biancoblu, che in tre settimane di campagna abbonamenti hanno acquistato soltanto un centinaio di tessere. Il dato è aggiornato a oggi, martedì 23 agosto, e non è troppo incoraggiante, visto che l'esordio in campionato - peraltro proprio allo Speroni, contro il Santarcangelo - è in calendario per il 4 settembre, tra appena dieci giorni. Difficile evitare il record negativo del decennio, visto che nelle ultime 9 stagioni il numero di abbonamenti era sempre stato superiore ai 500 (646 nello scorso campionato di Seconda Divisione). Diversi i motivi dell'apparente disaffezione dei tifosi bustocchi: al rilevante rincaro dei prezzi - una tessera costa dai 150 ai 500 euro, con riduzioni per donne, giovani e anziani - che potrebbe aver spinto molti a rinunciare, si aggiunge anche l'aperta ostilità del tifo organizzato alla tessera del tifoso, che per disposizioni del Ministero dell'Interno è obbligatoria per l'acquisto dell'abbonamento. E pure il fatto che da questa stagione, finalmente, i botteghini riapriranno nel giorno della partita potrebbe aver inciso non poco.
    Per tutte queste ragioni, un calo degli acquisti era prevedibile, ma in queste proporzioni forse non se lo aspettava neppure la dirigenza biancoblu, che ora dovrà cercare di correre ai ripari: un possibile "volano" per la campagna abbonamenti potrebbe essere la serata di giovedì 25 agosto, quando alle 21 è prevista la presentazione ufficiale della squadra in piazza San Giovanni. Intanto domani, alle 17, la squadra di Cusatis affronterà in amichevole la Gallaratese alle Azalee di Gallarate; penultimo test prima della sfida di sabato 27 contro la Primavera della Sampdoria.
    23/08/2011
    Eugenio Peraltaredazione@varesenews.it


  • OFFLINE
    bustocco.it
    Post: 4
    Registered in: 9/1/2011
    Location: BUSTO ARSIZIO
    Gender: Male
    Trevisan
    00 9/1/2011 10:58 PM

    Rosa completata nell'ultimo giorno di calciomercato.
    Arrivano il trequartista Giannone 89' i '93 Murè e Cralich e il baby Dell'Aglio 94.

    Con l'acquisto di Luca Giannone, trequartista mancino di scuola Napoli, la Pro Patria ha aumentato la spinta offensiva, dandosi alternative tattiche a centrocampo.
    Giannone, ventidue anni compiuti a luglio, nativo di Pomigliano d'Arco, era seguito da diverse società anche di serie cadetta (Grosseto e Albinoleffe), ma alla fine è stato preso dalla società bustocca che gli ha fatto firmare un biennale. Cresciuto nella Primavera partenopea, due anni fa aveva tentato l'avventura in Prima Divisione, senza successo con il Lecco, raccogliendo 16 presenze, fatte per lo più da spezzoni di gara nel finale. La scorsa stagione invece l'esplosione a Matera con 25 gare giocate e 10 gol messi a segno. Arrivano anche due classe 93, il primo via Torino, ha portato in biancoblù Andrea Murè, attaccante del 1993 che, nella quotatissima Berretti del Canavese, ha messo a segno ben 18 reti, strappando anche un'apparizione in Seconda Divisione. E sempre ieri è stato perfezionato il passaggio dalla Juventus della punta Francois Dall'Aglio - classe '94 - pure lui reduce dal defunto team piemontese.
    Diciotto anni li ha invece Goran Cralich, difensore centrale, prelevato dalle giovanili del Casale (prima era alla Pro Vercelli) e di cui si dice un gran bene.



    ACQUISTI

    Botturi (d 91 – Novese), Bonfanti (d 92 – Caratese), Cozzolino (a 85 –Andria), Dalla Costa (a 88 – Caratese via Novara), Gambaretti (d 92 - Cremonese), Mora (c 88) e Vignali (c 89 - Crociati Noceto), Siano (c 91 - Cavese), Frasca (p 91 – Roma), Caterisano (d 92 - Hinterreggio), Artaria Luca (c 91) e Baldan Luca (a 91 – Novara), Comi (a 90 – Caronnese via Novara), Pantano (d 92 - Lazio), Dall'Aglio (a94 - Juventus via Canavese), Cralich (d93 - Casale), Giannone (c89 - Matera via Napoli), Murè (a93 - Canavese via Torino)



    PARTENZE

    Anania (p 80 - Pescara), Aloe (c 86 svin), Artuso (c 89 svin), Benedetti (d 91 - Pisa via Chievo), Bertin (d 92 – Mantova via Chievo fp), Calzi (c 85 - Reggiana), Cristiano (c 77 - Viterbese), Dell'Acqua (a89 - FeralpiSalò), Favero (d 93 - Caronnese), Fortunato (p 90 - Modena), Janvier (Fra a 91 - svin), Justino (Bra c 90 – Avellino via Ascoli fp), Lombardi (Svi c 86 - Wil), Marchetti (d 91 – Vibonese via Fiorentina fp), Nocciola (c 92 - Pro Vercelli via Chievo), Pacilli (a 87 - Albinoleffe), Sala (p 93 - Inter), Som (Cam d/c 88 svin), Zanetti (d 77 - Rimini), Zaro (c 93 - Albinoleffe), Centrella (c 93 - Varese)





    LA ROSA


    PORTIERI

    Andreoletti Matteo (89), Frasca Valerio (91 - Villacidrese via Roma), Vavassori Ivan (92 - Berretti)



    DIFENSORI

    Bonfanti Michele (92 – Caratese), Botturi Andrea (91 – Novese), Caterisano Gianfilippo (92 – Hinterreggio), Cralich Goran (d93 - Casale), Gambaretti Giacomo (92 – Cremonese), Nossa Devis (85), Pantaleo Giordano (92 – Lazio), Polverini Dario (87), Rudi Mariano (90), Taino Marco (93 – Berretti)



    CENTROCAMPISTI

    Artaria Luca (91 – Novara), Bruccini Mirco (86), Cortesi Alessandro (87), Giannone Luca (c89 - Matera via Napoli), Gjoni Elton (Alb. 92 – Berretti), Ghidoli Marco (92 – Berretti), Mora Luca (88 - Crociati Noceto), Siano Michele (91 – Cavese), Vignali Paolo (89 - Crociati Noceto)


    ATTACCANTI

    Baldan Luca (91 – Novara), Comi Alessandro (90 – Caronnese via Novara), Chiodini Stefano (92 – Berretti), Cozzolino Giuseppe (85 – Andria), Dall'Aglio Pierre (a94 - Juventus via Canavese), Della Costa Marco (88 – Caratese via Novara), Murè Andrea (93 - Canavese via Torino), Serafini Matteo (78)
  • OFFLINE
    ZakkTV
    Post: 24,227
    Registered in: 12/23/2005
    Gender: Male
    Vice-Admin
    00 9/2/2011 7:36 PM
    Re:
    bustocco.it, 01/09/2011 22.58:


    Rosa completata nell'ultimo giorno di calciomercato.
    Arrivano il trequartista Giannone 89' i '93 Murè e Cralich e il baby Dell'Aglio 94.

    Con l'acquisto di Luca Giannone, trequartista mancino di scuola Napoli, la Pro Patria ha aumentato la spinta offensiva, dandosi alternative tattiche a centrocampo.
    Giannone, ventidue anni compiuti a luglio, nativo di Pomigliano d'Arco, era seguito da diverse società anche di serie cadetta (Grosseto e Albinoleffe), ma alla fine è stato preso dalla società bustocca che gli ha fatto firmare un biennale. Cresciuto nella Primavera partenopea, due anni fa aveva tentato l'avventura in Prima Divisione, senza successo con il Lecco, raccogliendo 16 presenze, fatte per lo più da spezzoni di gara nel finale. La scorsa stagione invece l'esplosione a Matera con 25 gare giocate e 10 gol messi a segno. Arrivano anche due classe 93, il primo via Torino, ha portato in biancoblù Andrea Murè, attaccante del 1993 che, nella quotatissima Berretti del Canavese, ha messo a segno ben 18 reti, strappando anche un'apparizione in Seconda Divisione. E sempre ieri è stato perfezionato il passaggio dalla Juventus della punta Francois Dall'Aglio - classe '94 - pure lui reduce dal defunto team piemontese.
    Diciotto anni li ha invece Goran Cralich, difensore centrale, prelevato dalle giovanili del Casale (prima era alla Pro Vercelli) e di cui si dice un gran bene.



    ACQUISTI

    Botturi (d 91 – Novese), Bonfanti (d 92 – Caratese), Cozzolino (a 85 –Andria), Dalla Costa (a 88 – Caratese via Novara), Gambaretti (d 92 - Cremonese), Mora (c 88) e Vignali (c 89 - Crociati Noceto), Siano (c 91 - Cavese), Frasca (p 91 – Roma), Caterisano (d 92 - Hinterreggio), Artaria Luca (c 91) e Baldan Luca (a 91 – Novara), Comi (a 90 – Caronnese via Novara), Pantano (d 92 - Lazio), Dall'Aglio (a94 - Juventus via Canavese), Cralich (d93 - Casale), Giannone (c89 - Matera via Napoli), Murè (a93 - Canavese via Torino)



    PARTENZE

    Anania (p 80 - Pescara), Aloe (c 86 svin), Artuso (c 89 svin), Benedetti (d 91 - Pisa via Chievo), Bertin (d 92 – Mantova via Chievo fp), Calzi (c 85 - Reggiana), Cristiano (c 77 - Viterbese), Dell'Acqua (a89 - FeralpiSalò), Favero (d 93 - Caronnese), Fortunato (p 90 - Modena), Janvier (Fra a 91 - svin), Justino (Bra c 90 – Avellino via Ascoli fp), Lombardi (Svi c 86 - Wil), Marchetti (d 91 – Vibonese via Fiorentina fp), Nocciola (c 92 - Pro Vercelli via Chievo), Pacilli (a 87 - Albinoleffe), Sala (p 93 - Inter), Som (Cam d/c 88 svin), Zanetti (d 77 - Rimini), Zaro (c 93 - Albinoleffe), Centrella (c 93 - Varese)





    LA ROSA


    PORTIERI

    Andreoletti Matteo (89), Frasca Valerio (91 - Villacidrese via Roma), Vavassori Ivan (92 - Berretti)



    DIFENSORI

    Bonfanti Michele (92 – Caratese), Botturi Andrea (91 – Novese), Caterisano Gianfilippo (92 – Hinterreggio), Cralich Goran (d93 - Casale), Gambaretti Giacomo (92 – Cremonese), Nossa Devis (85), Pantaleo Giordano (92 – Lazio), Polverini Dario (87), Rudi Mariano (90), Taino Marco (93 – Berretti)



    CENTROCAMPISTI

    Artaria Luca (91 – Novara), Bruccini Mirco (86), Cortesi Alessandro (87), Giannone Luca (c89 - Matera via Napoli), Gjoni Elton (Alb. 92 – Berretti), Ghidoli Marco (92 – Berretti), Mora Luca (88 - Crociati Noceto), Siano Michele (91 – Cavese), Vignali Paolo (89 - Crociati Noceto)


    ATTACCANTI

    Baldan Luca (91 – Novara), Comi Alessandro (90 – Caronnese via Novara), Chiodini Stefano (92 – Berretti), Cozzolino Giuseppe (85 – Andria), Dall'Aglio Pierre (a94 - Juventus via Canavese), Della Costa Marco (88 – Caratese via Novara), Murè Andrea (93 - Canavese via Torino), Serafini Matteo (78)



    Grazie [SM=g2172027]
  • OFFLINE
    ZakkTV
    Post: 24,227
    Registered in: 12/23/2005
    Gender: Male
    Vice-Admin
    00 9/5/2011 8:20 PM
    da www.varesenews.it

    Calcio

    Pro Patria, esordio da incubo

    I tigrotti vengono battuti 3-0 allo "Speroni" dalla neopromossa Santarcangelo


    Un inizio campionato da incubo per la Pro Patria, che perde, meritatamente, 3-0 contro la neopromossa Santarcangelo. I tigrotti giocano discretamente nel primo tempo, ma sono sfortunati a subire i gol di Bazzi e Ferri su due ingenuità difensive. Nella ripresa la squadra di Cusatis è assente ingiustificata e la situazione peggiora con l'espulsione di Cortesi al 22' fino al 3-0 siglato da Graziani. Un secondo tempo in cui i romagnoli hanno gestito la gara a loro piacimento, facendosi beffa dell'indolenza della Pro, apparsa superficiale e poco concentrata.

    FISCHIO D’INIZIO – I tiìgrotti affrontano la prima sfida della nuova stagione contro il Santarcangelo, squadra romagnola neopromossa dalla serie D e senza troppe ambizioni di classifica, alla prima storica tra i professionisti. Il tecnico biancoblu, Giovanni Cusatis, fa il proprio esordio sulla panchina della prima squadra davanti al pubblico amico in gare ufficiali e decide di schierare un 4-3-1-2 con Frasca in porta, esterni di difesa Gambaretti e Pantano, mentre in mezzo ci sono Nossa e Polverini. A centrocampo Cortesi gioca davanti alla difesa, affiancato da Siano e Mora. In zona d'attacco Bruccini agisce alle spalle di Serafini e Cozzolino, sicuramente l'uomo in più della formazione bustocca. Il Santarcangelo è una formazione singolare, unico esempio in Italia e, forse, nel Mondo, di squadra gestita anche con il supporto dei tifosi tramite un canale telematico, che aiuta il mister per i dettami tecnici e la società nel mercato. Nell'attacco del Santarcangelo c'è anche Graziani, ex FeralpiSalò e protagonista degli scorsi sfortunati playoff dei tigrotti.

    IL PRIMO TEMPO – I primi minuti di gara passano senza sussulti, un po' di studio tra le due contendenti sotto la pioggia battente che ha appesantito il prato dello “Speroni”. Al 6' Graziani su punizione impegna Frasca alla deviazione in angolo con un tiro a giro che passa a lato della barriera diretto all'angolo basso. Risponde Serafini all'8' con una conclusione al volo dal limite dell'area che termina alta. Al 9' Cozzolino prova a sfondare con un'azione personale, ma il tiro termina tra le braccia del numero uno ospite, che blocca in presa a terra. Al 12' il primo cambio: si fa male Cola tra i romagnoli, sostituito da Bezzi, intanto Mora, su sponda di Serafini, manda a lato di un soffio. Occasioni a raffica e al 13' ci riprova Cozzolino, ma Nardi è ancora attento e ferma la sfera scagliata in diagonale dal bomber biancoblu. Al 15' la difesa tigrotta si addormenta e concede una ghiotta occasione a Locatelli, ma per fortuna della Pro non riesce a superare Frasca, bravo a deviare sul fondo. Al 18' ancora Graziani e ancora su punizione; questa volta però la palla sfiora la base del palo prima di sfilare contro i cartelloni pubblicitari. Al 21' Cozzolino, servito al centro dell'area da un bell'assist al volo di Bruccini, non trova il giusto impatto con la palla e manda a lato. Al 26' sempre Cozzolino scambia con Serafini prima di impegnare Nardi con una botta forte ma centrale. Al 27' situazione dubbia in area romagnola: Cozzolino viene anticipato in presa bassa da Nardi che perde la palla, lasciandola a disposizione dell'attaccante di Cusatis, prima di stenderlo sullo slancio. Al 28' passa in vantaggio il Santarcangelo con Bezzi, che supera Frasca con un sinistro da fuori area. Colpevole la difesa che non esce in copertura sul portatore di palla. La risposta della Pro non è immediata, ma al 35' Serafini impegna Nardi dalla distanza che ancora una volta mette in angolo. Al 38' arriva il raddoppio ospite: Ferri vince in maniera fortunosa un contrasto aereo con Nossa e si ritrova a tu per tu con Frasca, che supera con un piatto mancino sul primo palo.

    LA RIPRESA – La Pro rientra in campo con la punta Dalla Costa al posto del centrocampista Siano e Bruccini scala sulla linea mediana. Al 9' Nossa sbaglia l'intervento difensivo e lascia campo a Ferri, che prova il tiro a rete, messo in angolo da Frasca. La Pro continua a commettere errori in impostazione e non riesce a rendersi pericolosa. Al 22' peggiorano le condizioni della Pro Patria, con l'espulsione di Cortesi per il secondo cartellino giallo. I romagnoli, in superiorità numerica, fanno girare la palla senza lasciare spunti alla Pro, che continua a faticare. Al 39' arriva anche il 3-0 di Graziani, che batte Frasca al termine di un'azione personale.

    TABELLINO

    Pro Patria – Santarcangelo 0-3 (0-2)

    Marcatori: al 28' pt Bezzi (S), al 38' pt Ferri (S), al 39' st Graziani (S).

    Pro Patria (4-3-1-2): Frasca; Gambaretti (dal 33' st Artaria), Nossa, Polverini, Pantano; Cortesi, Siano (dal 1' st Dalla Costa), Mora; Bruccini; Serafini, Cozzolino. All. Cusatis.

    Santarcangelo (4-3-1-2): Nardi; Fabbri, Cola (dal 12' pt Bezzi), Gregorio, Locatelli; Obeng, Del Pivo, Baldinini; Bazzi; Ferri (dal 14' st Tonelli), Graziani. All. Angelini.

    Arbitro: Formato di Benevento (Allegra e Rizzo).

    Note: giornata di pioggia, terreno pesante ma in buone condizioni.

    Ammoniti: Gambaretti, Cortesi per la Pro Patria; Fabbri per il Santarcangelo. Espulso Cortesi per la Pro Patria al 22' st per doppia ammonizione. Calci d'angolo: 5-5. Spettatori: 1100 circa.




    Pro Patria, Cusatis: "Ci siamo disuniti, dobbiamo migliorare a livello mentale"


    Davvero un inizio di campionato pessimo per la Pro Patria, battuta 3-0 dalla neopromossa Santarcangelo allo “Speroni”, all'esordio tra i professionisti. L'allenatore biancoblu Giovanni Cusatis non può dirsi contento, ma non vuole farsi condizionare da una partita andata male: "Abbiamo fatto 25-30 minuti discreti, sapevamo di affrontare una squadra che sa giocare bene al calcio e porta tanti uomini sopra la linea della palla. Il grande errore è stato farci condizionare dalle proteste per il rigore non dato e ci siamo distratti. Le responsabilità sono sempre tutte mie, i ragazzi lo sanno e devono continuare a lavorare in settimana per evitare gli errori compiuti che ci hanno penalizzato nel risultato. Bisogna avere in futuro la forza mentale per reagire alle difficoltà, invece ci siamo disuniti. È ovvio che da oggi mi aspetto una crescita mentale da parte della squadra e dovranno essere bravi i giocatori con maggiore esperienza per trascinare il gruppo".

    L'allenatore del Santarcangelo, Giuseppe Angelini, è ovviamente molto soddisfatto del risultato finale: "All'inizio avevamo un po' di timore, molti ragazzi non avevano mai giocato in questa categoria. Con il passare dei minuti ci siamo sciolti e abbiamo fatto bene, ottenendo una bella vittoria. Ci ha aiutato avere la stessa impostazione tattica e di uomini della scorsa stagione. Secondo me la Pro Patria è un'ottima squadra, hanno avuto la sfortuna di incontrare una squadra già rodata e che ha saputo trovare il gol nel momento giusto. Anche se oggi (ieri, ndr) ha perso, sono sicuro che la squadra di Busto potrà fare un campionato molto buono".

  • OFFLINE
    ZakkTV
    Post: 24,227
    Registered in: 12/23/2005
    Gender: Male
    Vice-Admin
    00 9/8/2011 9:18 PM
    www.tuttolegapro.com/?action=read&idnotizia=35038

    ALTRE NEWS

    Pro Patria, il ds Ferrara: "Arriverà un difensore centrale"


    08.09.2011 17:00 di Claudio Gallaro articolo letto 175 volte
    Fonte: VareseNews.it

    © foto di Tommaso Sabino/TuttoLegaPro.com

    La Pro Patria non ha iniziato nel migliore dei modi il proprio campionato, sconfitta allo “Speroni” 3-0 dal Santarcangelo, ma la stagione è ancora lunga e il primo a non abbattersi è il direttore sportivo biancoblu, Raffale Ferrara, che è fiducioso per il prosieguo dell'annata.

    Direttore, come giudica a freddo la gara di domenica contro il Santarcangelo?

    "Dopo un rigore non concesso, abbiamo preso gol sul ribaltamento di fronte e questo ci ha distratti e tagliato le gambe".

    Cosa è mancato alla squadra?

    "Ad inizio secondo tempo mi sarei aspettato più cattiveria agonistica per cercare quanto meno di accorciare le distanza (all'intervallo la Pro stava perdendo 2-0, ndr), ma così non è stato. Inoltre, dopo l'espulsione di Cortesi il morale della squadra è crollato e i ragazzi non hanno più avuto la forza di reagire".

    Domenica prossima, 11 settembre, l'avversario di turno sarà il Renate. Che gara si aspetta?

    "Conoscendo il gruppo e il mister sono sicuro che cercheranno rispondere sul campo alla brutta prestazione vista all'ultima uscita. Il gruppo è buono e saprà farsi valere".

    Il mercato della Pro è chiuso o arriverà un difensore centrale come richiesto da mister Giovanni Cusatis?

    "Ci stiamo guardando intorno per portare a Busto Arsizio un centrale di difesa, ma dobbiamo ancora valutare se prendere un giovane da far crescere o un elemento di esperienza. Per il resto credo che la Pro sia una buona squadra, che può puntare a fare un campionato tranquillo come ci siamo proposti ad inizio anno. Con l'arrivo del giovane trequartista Giannone possiamo dire di essere al completo".
  • OFFLINE
    ZakkTV
    Post: 24,227
    Registered in: 12/23/2005
    Gender: Male
    Vice-Admin
    00 9/12/2011 12:31 AM
    www.tuttolegapro.com/?action=read&idnotizia=35169

    RISULTATI E CLASSIFICHE

    2^ Divisione, la Pro Patria non sfonda in Brianza

    Renate-Pro Patria 0-0


    11.09.2011 21:45 di Francesco Moscatelli articolo letto 183 volte

    Un punto conquistato contro una squadra solida e organizzata come il Renate è ormai, per ogni avversario, un punto da salutare con moderata soddisfazione, soprattutto se l'esordio è stato bagnato con tre gol al passivo come avvenuto ai tigrotti della Pro Patria nell'infausto incontro con il Santarcangelo sette giorni or sono. Ma se il rosso sventolato al centrale Ferrari lascia i locali in dieci per un'ora abbondante, allora il bicchiere bustocco è mezzo vuoto e il lavoro di Cusatis ancora tutto da sviluppare. Il Renate muove la classifica, ma due espulsioni nel giro di otto giorni frenano inevitabilmente una squadra disegnata in questo torneo almeno per una salvezza tranquilla.

    Cambia l'allenatore (Magoni al posto di Boldini) ma 8/11 della formazione iniziale brianzola vestiva il nerazzurro anche nella passata stagione, inserendo di fatto una novità per ogni reparto. Più rinnovata la Pro che si affida in avanti alla voglia di riscatto di Serafini (già a Busto senza troppa gloria) e Cozzolino (riuscirà a ripetere il torneo 2009-10 quando, con la maglia del Como, dispensava classe, velocità e 13 reti all'attivo?), unita alla freschezza di diversi giovani presenti soprattutto nel pacchetto arretrato.

    Il gran caldo non condiziona una prima mezz'ora di gioco che si sviluppa tutto sommato con un ritmo apprezzabile e con occasioni su entrambi i fronti: al 13' una sforbiciata di Mora è alta sopra la traversa, tre minuti più tardi Gaeta non aggancia nei migliori dei modi un interessante suggerimento di Gualdi a pochi passi di un sempre attento Frasca. Al 22' Serafini cerca di testa il palo alla sinistra di Lenzi, ma è qualche minuto dopo che la gara degli ospiti sembra incanalarsi verso i possibili tre punti: fallo da ultimo uomo di Ferrari su Cozzolino lanciato a rete, rosso che non lascia spazio a recriminazioni e Renate in inferiorità numerica dopo soli 28 giri di lancette. Se in un qualsiasi 0-0 è difficile trovare dei meriti, va anche detto che le pantere non hanno accusato il colpo e continuato a sviluppare la gara sui soliti binari, lasciando la difesa a tre (ben orchestrata da un insormontabile Cortinovis) con Cerea più dedicato alla fase difensiva. E infatti prima dell'intervallo le occasioni di un certo rilievo sono state una per parte, con l'incornata di Mazzini che pareggia un insidioso diagonale di Ghidoli, un tigrotto destinato senz'altro a ruggire in arene più importanti del "Città di Meda".
    I rimpianti che non dovrebbero far dormire tranquillo il mister ospite Cusatis arrivano però nei primi venti minuti della seconda frazione, quando il gol della Pro sembra nell'aria e il Renate fatica a contenere gli inserimenti di Cozzolino, Vignali e Serafini. E' proprio del bomber campano l'occasione più ghiotta maturata al 56' quando probabilmente avrebbe dovuto scoccare un diagonale sul secondo palo anziché trovare con un destro debole l'esterno della rete da posizione favorevolissima. Così, passata la sterile offensiva biancazzurra, la partita si dipana tra diversi appoggi sbagliati a centrocampo, cambi che non cambiano e la sensazione che per due squadre sconfitte all'esordio un punticino possa anche andar bene. Piuttosto estemporanea l'occasione non sfruttata dal neo-entrato Ghezzi che, completamente dimenticato dai difensori bustocchi, non inquadra lo specchio della porta dopo una veloce discesa alla sinistra di Frasca.


    Il pollice verso delle pantere sui tigrotti ormai stanchi sarebbe però forse stato troppo. Renate e Pro Patria hanno morso, graffiato e lo 0-0 finale non è certo frutto di una partita non-giocata. L'impressione generale è che Magoni e Cusatis abbiano in mano buone materie prime che necessitano di un lungo lavoro di sviluppo. Saprà possibile valutare davvero i brianzoli solo quando questi decideranno di fare la doccia post-partita tutti insieme, perché anche oggi molti uomini (le fasce in particolare, veri punti di forza lo scorso anno) si sono dovuti sacrificare non permettendo a Mazzini e Gaeta di giocare molti palloni puliti. E' apparsa abbastanza incomprensibile invece l'atteggiamento degli ospiti che dopo una fase di spinta all'inizio della ripresa si è involuto macerandosi nelle proprie occasioni sprecate. Solo per il caldo di un'estate che non vuole finire? No, la Pro Patria di oggi è, per il momento, una dignitosa squadra di metà classifica e gli artigli dei suoi eroi non possono fare paura.


    RENATE - PRO PATRIA 0-0

    Renate (4-3-3): Lenzi; Adobati, Cortinovis, Ferrari, Gavazzi; Cavalli, Gualdi, Cerea (dal 52' Valerio); Mazzini (dal 63' Ghezzi), Battaglino, Gaeta (dal 83' Mangiarotti). A disp: Pisseri, Carminati, Mastrototaro, Capogna. All. Magoni.
    Pro Patria (4-3-1-2): Frasca; Bonfanti, Nossa, Polverini, Pantano; Vignali (dal 78' Dalla Costa), Ghidoli (dal 72' Siano), Mora (dal 67' Comi); Bruccini; Serafini, Cozzolino. A disp: Andreoletti, Botturi, Taino, Gambaretti. All. Cusatis.

    ARBITRO: Sig. Adducci di Paola coadiuvato da Piazza e Ruggirello
    NOTE: pomeriggio soleggiato e afoso, terreno in buone condizioni. Ammoniti: Cerea (R), Serafini (P), Battaglino (R), Lenzi (R). Espulso al 28' Ferrari (R) per fallo da ultimo uomo su Cozzolino. Angoli: 5-7. Recupero: 1'-3'. Spettatori: 270 circa.
  • OFFLINE
    enricoutv83
    Post: 55,310
    Registered in: 4/5/2004
    Location: TREVISO
    Age: 37
    Gender: Male
    Admin
    00 9/15/2011 2:52 PM
    da www3.varesenews.it/busto/articolo.php?id=212962

    CALCIO
    Graziata la Pro Patria, si riparte da meno 2
    Verdetto morbido per i biancoblu: la Disciplinare infligge solo due punti di penalizzazione per gli illeciti amministrativi della scorsa stagione, contro i 6 richiesti dalla Procura, e trentamila euro di multa


    Si può sorridere per una penalizzazione? Sicuramente sì, se è come quella che la Commissione Disciplinare della FIGC ha inflitto oggi alla Pro Patria per gli illeciti amministrativi della scorsa stagione: soltanto 2 punti in meno, contro i 6 richiesti dalla Procura Federale, e 30.000 euro di multa, più ulteriori sei mesi di squalifica a Massimo Pattoni, peraltro ormai ben lontano dal mondo del calcio. Un verdetto decisamente morbido e che regala finalmente qualche soddisfazione alla squadra biancoblu in questo travagliato inizio di stagione: ora si riparte da meno 2, visto che il precedente punto di penalizzazione era già stato recuperato con il pareggio di domenica contro il Renate. Sempre di ultimo posto solitario si tratta, ma certamente la punizione è molto meno severa di quella ipotizzata dagli stessi vertici societari.

    La penalizzazione comminata alla Pro Patria riguarda, sostanzialmente, tutti i mancati pagamenti degli stipendi dei primi tre trimestri della scorsa stagione (da luglio 2010 a marzo 2011), nonché dei relativi emolumenti e contributi, e la mancata presentazione entro i termini stabiliti (31 maggio) del prospetto con l'indicazione del rapporto Ricavi/Indebitamento. Nelle motivazioni della decisione, la Commissione rigetta in toto la tesi della difesa: "gli addebiti in capo alla Società deferita non possono essere considerati come semplici irregolarità formali, ma piuttosto costituiscono un vero e proprio inadempimento rispetto a norme federali" recita il testo, che più avanti rileva come "la Società stessa, per le diverse fattispecie prese in considerazione, sia stata assolutamente inadempiente", come risulta anche dai report della società di consulenza incaricata dalla Federazione. A discarico della Pro Patria, ovviamente, c'è anche la doppia recidiva, dato che la società era stata già condannata in passato per gli stessi illeciti. Tutto considerato, appare quindi persino generosa la decisione finale della Commissione, che ha ridotto a 2 i punti da togliere ai "tigrotti", lasciando inalterata l'entità della multa rispetto alle richieste dalla Procura.

    Nella stessa seduta, la Disciplinare ha penalizzato di 2 punti anche il Fano (girone B) e l'Alessandria, ormai ex capolista del girone della Pro Patria, sempre per inadempienze finanziarie.
    12/09/2011
    Eugenio Peraltasport@varesenews.it


  • OFFLINE
    enricoutv83
    Post: 55,310
    Registered in: 4/5/2004
    Location: TREVISO
    Age: 37
    Gender: Male
    Admin
    00 9/21/2011 11:46 AM
    da www3.varesenews.it


    CALCIO
    Pro Patria, vittoria di cuore: 2-1 a Lecco

    I tigrotti espugnano il "Rigamonti-Ceppi" con una doppietta di Cozzolino e salgono a quota 1 in classifica




    La Pro Patria fa sua una vera battaglia a Lecco vincendo 2-1 e guadagna la prima vittoria stagionale con una doppietta di Cozzolino, ritornando sopra quota zero punti dopo la penalizzazione subita a inizio settimana. Pro dai due volti: primo tempo molto ben giocato, ma terminato sull'1-1 con il tipico gol dell'ex Temelin. Nella ripresa meglio i padroni di casa ma Cozzolino decide la partita con una zampata precisa.
    FISCHIO D’INIZIO – La Pro affronta la vicina trasferta di Lecco per cercare immediatamente di tornare sopra quota zero dopo la penalizzazione di due punti inflittale lunedì. Il tecnico biancoblu, Giovanni Cusatis, schiera il solito 4-3-1-2 con Frasca in porta; in difesa i centrali sono Nossa e Polverini, a destra c'è Bonfanti e Pantano a sinistra. A centrocampo Ghidoli mantiene il posto davanti alla difesa, affiancato da Vignali e Mora. Attacco con Cozzolino e Serafini supportati da Bruccini. Il Lecco non passa un buon momento, ma davanti al proprio pubblico vorrà riprendere la marcia e il duo in panchina Magni-Delpiano si affidano in attacco a Fabbro e l'ex di turno, Gianluca Temelin.

    IL PRIMO TEMPO – Pronti, via e la Pro sfiora il gol su punizione con Bruccini. Il tiro di destro, rasoterra, leggermente deviato, impegna Durandi alla deviazione in angolo. Al 2' Mora trova Cozzolino in profondità che di sinistro chiama alla respinta ancora il numero uno bluceleste, poi la Tabbiani mette in angolo per non correre altri pericoli. Dal corner battuto da Bruccini arriva il vantaggio bustocco con Cozzolino che salta più in alto del diretto marcatore e deposita in rete. La squadra di Cusatis sembra ispirata e continua a tenere in mano la gara. Al 15' una punizione dal lato sinistro di Bruccini passa davanti alla porta senza che nessuno trovi la deviazione decisiva, poi al 20' azione in verticale sull'asse Bruccini-Serafini-Cozzolino con il bomber che calcia sull'esterno della rete. Al 26' da un lungo lancio dalla difesa Cozzolino trova spazio tra le maglie del pacchetto arretrato lecchese, ma Maiese compie una buona diagonale e salva pochi istanti prima del tiro in porta. Alla mezzora Bruccini ci prova di sinistro dai venti metri, palla a lato di poco. Al 38' Ghidoli, ancora una volta forse il migliore in campo, prova la botta dai trenta metri: palla fuori di un soffio. Al 43' arriva la beffa per la Pro, con il tipico gol dell'ex firmato da Temelin, che di testa supera Pantano e mette in rete un cross dalla sinistra.

    LA RIPRESA – Parte meglio il Lecco nel secondo tempo con una buona azione corale, sventata solo da un intervento nel cuore dell'area in anticipo di Ghidoli. Al 2' da una punizione dal lato corto dell'area Fabbro di testa manda alto con Frasca fuori causa. La Pro fatica e i ruoli sembrano essersi invertiti rispetto al primo tempo. Gli animi si scaldano e, presa dalla foga, al 16' la Pro concede un'occasione d'oro a Temelin che però incredibilmente manda sul palo a porta vuota su un cross basso di Mattaboni. La risposta della Pro arriva al 18', ma il tiro a giro di Bruccini termina alto. Al 20' gol annullato per fuorigioco a Fabbro, anche se il guardalinee alza la bandierina in colpevole ritardo. La Pro però sembra in palese affanno e perde anche la calma per giocare la palla come mostrato nel primo tempo. Al 31', forse nel momento migliore del Lecco, trova il gol del 2-1 ancora con Cozzolino, che supera Durandi con un piattone destro dal dischetto del rigore su un bel cross rasoterra di Pantano. La Pro a vantaggio acquisito cerca di mantenere il possesso palla e non fare avvicinare alla sua area i blucelesti.

    TABELLINO

    Lecco – Pro Patria 1-2 (1-1)

    Marcatori: al 3' pt e al 31' st Cozzolino (PP), al 43' pt Temelin (L).

    Lecco (4-3-1-2): Durandi, Tabbiani (dal 45' st Rebecchi), Ischia, Marietti, Maiese; Galli, Gatti, Castelnuovo; Viviani (dal 14' st Mattaboni); Temelin (dal 37' st Fall), Fabbro. All. Magni e Delpiano

    Pro Patria (4-3-1-2): Frasca; Bonfanti, Nossa, Polverini, Pantano; Ghidoli (dal 45' st Cortesi), Vignali, Mora; Bruccini; Cozzolino (dal 37' st Giannone), Serafini (dal 41' st Dalla Costa). All. Cusatis.

    Arbitro: Intagliata di Siracusa (Mercante e Gotti)

    Note: cielo coperto e pioggia, terreno bagnato ma in buone condizioni.

    Ammoniti: Gatti, Galli, Castelnuovo per il Lecco. Calci d'angolo: 6-6.

    18/09/2011
    Francesco Mazzolenisport@varesenews.it




    [Edited by enricoutv83 9/21/2011 11:46 AM]


  • OFFLINE
    enricoutv83
    Post: 55,310
    Registered in: 4/5/2004
    Location: TREVISO
    Age: 37
    Gender: Male
    Admin
    00 9/21/2011 11:46 AM
    da www3.varesenews.it/sport/articolo.php?id=213459


    CALCIO
    Cusatis: "Ottima vitoria contro un'ottima squadra"
    L'allenatore della Pro Patria si dice molto contento della vittoria ottenuta a Lecco dai suoi uomini



    La Pro Patria ha vinto una partita sofferta 2-1 a Lecco e guadagna i primi tre punti del campionato. L'allenatore biancoblu, Giovanni Cusatis, è molto contento della vittoria conquistata: «Siamo un gruppo giovane che deve ancora amalgamarsi, ma oggi abbiamo fatto un ottimo primo tempo e questo fa ben sperare per il futuro. Siamo stati bravi a soffrire e a ricompattarci e alla fine siamo riusciti a colpirli appena abbiamo ripreso un attimo in mano la gara. Quando si ha a che fare un gruppo giovane bisogna aspettarsi prestazioni altalenanti come quella di oggi. Possiamo dire che oggi abbiamo conquistato un'ottima vittoria contro un'ottima squadra. Sappiamo che se viaggiamo a tutto gas possiamo giocarcela con tutti, altrimenti soffriamo».
    Il tecnico del Lecco, Alfredo Magni, commenta amaramente la sconfitta della sue squadra: «Quello che conta maggiormente è che i tra punti sono andati a loro. Siamo partiti un po' titubanti e abbiamo sofferto troppo dopo il gol in apertura. Nel secondo tempo abbiamo sbagliato tanto, soprattutto il gol fallito da Temelin che ha colpito il palo a porta vuota, poteva valere la vittoria. La Pro Patria è una buona squadra, con giocatori validi soprattutto in avanti, ma in difesa sono abbastanza inesperti, con due giovani del '92 e forse potevamo fare qualche cosa in più per metterli in difficoltà».

    18/09/2011
    fmfsport@varesenews.it



  • OFFLINE
    enricoutv83
    Post: 55,310
    Registered in: 4/5/2004
    Location: TREVISO
    Age: 37
    Gender: Male
    Admin
    00 10/2/2011 11:49 AM
    www.assesempione.info/notizie-mainmenu-56/sport/17058-calciotigrotti-ko-con-il-poggibo...

    CALCIO/Tigrotti ancora ko stavolta con il Poggibonsi
    Venerdì 30 Settembre 2011 08:42


    Busto Arsizio - Nuovo ko per i tigrotti della Pro Patria. Nel turno infrasettimanale del campionato di calcio di Seconda divisione i biancoblu sono stati battuti 1-0 dal Poggibonsi. Chi sperava di riscattare la battuta d'arresto di domenica a cuneo è rimasto deluso.

    POGGIBONSI - AURORA PRO PATRIA
    Poggibonsi - Aurora Pro Patria 1-0
    Poggibonsi:Sportiello, Mugnaini, Bronchi, Cirina, Dierna, El Kamch, Boldrini, Giunchi, Falomi, Settembrini (56' Moscarino), Dal Bosco (59’ Pera). All.: Fraschetti.Pro Patria:Frasca, Bonfanti, Pantano, Cortesi, Nossa, Polverini, Mora (70' Artaria), Bruccini, Serafini, Giannone (65' Dalla Costa), Cozzolino.All.: Giovanni Cusatis.Arbitro: Martinelli di Roma 2 (Cordeschi A. e Cordeschi S.)Marcatori: Dal Bosco (Po) al 5' pt
    Ammoniti: Mugnaini (Po), El Kamch (Po), Mora (PP), Bruccini (PP), Nossa (PP), Pantano (PP).


  • OFFLINE
    enricoutv83
    Post: 55,310
    Registered in: 4/5/2004
    Location: TREVISO
    Age: 37
    Gender: Male
    Admin
    00 10/7/2011 1:16 PM
    www.assesempione.info/evidenza/17086-calciobelle-vittorie-per-pro-patria-e-legn...

    CALCIO/Belle vittorie per Pro Patria e Legnano
    Lunedì 03 Ottobre 2011 08:04


    Busto Arsizio – Arrivano due belle vittorie per Pro Patria e Legnano. In Seconda divisione i tigrotti dopo le ultime opache prove, hanno vinto in casa contro il Borgo a Buggiano, con il risultato di 2-0. In Prima categoria i nuovi lilla della Asd Legnano hanno travolto 4-1 il Freccia Azzurra. Il cambio di panchina non ha influito sui risultati dei ragazzi del presidente Nicolò Zanda che ha così commentato “Non c’è niente da fare, il livello di gioco della nostra squadra è nettamente superiore, ma questo non vuol dire essere facilitati. Sono soddisfatto di come stanno lavorando i ragazzi. L’arrivo del mister Rovellini (al posto di Landriani – ndr)si è percepito sin da subito, la squadra in campo è risultata più compatta e sicura. La prossima partita in casa la giocheremo ancora qui a S. Giorgio su Legnano ma contiamo di disputare l’ottava giornata di campionato allo stadio Mari. Il 30 ottobre, finalmente, giocheremo e festeggeremo, in ritardo, il compleanno del Pisacane”.


    PRO PATRIA-BORGO A BUGGIANO 2-0
    Reti: 27′ Serafini, 90′ Dalla Costa
    Propatria: Andreoletti, Bonfanti, Nossa, Polverini, Taino, Ghidoli (75′ Vignali), Mora (82′ Artaria), Cortesi, Bruccini, Serafini, Cortesi, Cozzolino (46′ Dalla Costa) . All.Cusatis
    Borgo a Buggiano: Grandi, Tafi, Checchi, Settepassi, Crociani, Stella, Maretti, Mugelli, Gialdini (31′ Di Martino), Di Crescenzo (31′ Rocchi), Paganelli. All.Colonello
    Arbitro: Colarossi


  • OFFLINE
    enricoutv83
    Post: 55,310
    Registered in: 4/5/2004
    Location: TREVISO
    Age: 37
    Gender: Male
    Admin
    00 10/13/2011 12:13 AM
    www3.varesenews.it/busto/articolo.php?id=215357

    CALCIO
    La Pro Patria è di nuovo nella bufera

    Continuano i guai della squadra bustocca, deferita alla Commissione Disciplinare per le inadempienze della vecchia gestione. Si rischiano altri punti di penalizzazione dopo i 2 rimediati in settembre


    Un fulmine a ciel sereno si abbatte sulla Pro Patria: sembrava che le beghe legali dei tigrotti fossero finite lo scorso 12 settembre, con la (generosa) penalizzazione di 2 punti inflitta dalla FIGC, e invece il bello - si fa per dire - doveva ancora venire. La società bustocca, infatti, è stata nuovamente deferita alla Commissione Disciplinare della Federazione, sempre per inadempienze della vecchia gestione, diverse però da quelle contestate in precedenza: tra le violazioni contestate all'ex presidente Massimo Pattoni, e per responsabilità diretta alla società, ci sono fra l'altro il mancato deposito dell'attestazione di avvenuto pagamento degli stipendi fino ad aprile e delle relative ritenute e contributi, della relazione semestrale di dicembre 2010 e del prospetto contenente il rapporto patrimonio/attivo. Insieme alla Pro Patria sono stati deferiti anche il Como e il suo presidente Antonio Di Bari per non aver versato nei termini richiesti la fideiussione richiesta per l'iscrizione al campionato.
    Cosa rischia ora la squadra bustocca? Pare scontato che la Procura Federale propenderà per un'ulteriore penalizzazione, ma è difficile stabilirne l'entità. In settembre la sanzione richiesta era stata di 6 punti, poi ridotti a 2 dalla Disciplinare in sede di giudizio; questa volta dovrebbe essere minore, ma potrebbe comunque raggiungere i 4 punti, esattamente quelli che la squadra di Cusatis (che già sconta una penalizzazione di 3 punti) ha raccolto finora nella classifica del campionato di Seconda Divisione.
    10/10/2011
    Eugenio Peraltasport@varesenews.it


  • OFFLINE
    enricoutv83
    Post: 55,310
    Registered in: 4/5/2004
    Location: TREVISO
    Age: 37
    Gender: Male
    Admin
    00 10/22/2011 1:24 PM
    www.assesempione.info/evidenza/17379-calcioscialbi-pareggi-per-pro-patria-e-legn...


    CALCIO/Scialbi pareggi per Pro Patria e Legnano



    Stadio SperoniBusto Arsizio - Ancora delusioni per i tifosi biancoblu. La Pro Patria nella sfida casalinga con il Valenzana, valido per l'ottavo turno del campionato di seconda divisione della Lega Pro non è andata oltre allo 0-0. i tigrotti rimangono così penultimi a soli 5 punti.


    Pro Patria – Valenzana 0-0
    Pro Patria: Andreoletti; Bonfanti, Nossa, Polverini, Pantano; Ghidoli, Bruccini, Siano (dal 26' st Artaria); Giannone, Cortesi (dal 15' st Dalla Costa; dal 49' st Gjoni); Serafini. All. Cusatis.

    Valenzana: Stillo; Berselli, Blondett, Della Maggiora, Forino (dal 38' st Manfredi); Montanari (dal 7' st Allegrini), Righini, Chiazzolino; Prandi, Capellini; Miracoli (dal 24' st Pagan). All. Micale (Rossi squalificato).

    Arbitro: Ceccarelli di Terni


    Ottava giornata di 2/a Divisione girone A: Alessandria-Treviso 1-4, Casale-Renate 0-0, Cuneo-San Marino 2-0, Lecco-Borgo a Buggiano 0-0, Mantova-Savona 1-1, Poggibonsi-Sambonifacese 1-1, Pro Patria-Valenzana 0-0, Rimini-Bellaria 2-1, Santarcangelo-Montichiari 3-2, V.Entella-Giacomense 2-0


1